Cronaca Pratale / Via San Giovanni Bosco

Carcere Don Bosco, la sezione che non c'è: allarme rosso lanciato dal Sappe

Donato Capece, segretario generale del Sappe, ha visitato il penitenziario pisano notando molte criticità e sottolineando il fatto che siano stati spesi 5 milioni di euro per una nuova sezione detentiva ancora mancante

Davvero critica la situazione del carcere Don Bosco di Pisa che ieri è stato visitato da Donato Capece, segretario generale del Sappe, il sindacato degli agenti penitenziari, che ha sottolineato la presenza di numerose criticità per le quali sarebbe necessario l'intervento urgente del dipartimento dell'amministrazione penitenziaria e del ministero della Giustizia.

''E' un carcere fermo a 30 anni fa, nel quale tutti o quasi i cancelli interni si aprono ancora manualmente e dove c'è un centro clinico che ha bisogno di urgenti interventi di ristrutturazione, ma sembrano mancare i soldi per farli. Inoltre, nonostante siano stati spesi ben 5 milioni di euro, è ancora in alto mare la costruzione di una nuova sezione detentiva per 50/60 posti'' ha affermato Capece.
Il sindacalista ha sottolineato che ''nonostante l'insostenibile, pericoloso e stressante sovraffollamento della struttura pisana, un grande plauso va fatto agli agenti in servizio che credono nel proprio lavoro, hanno valori radicati e un forte senso d'identità e d'orgoglio: fanno tutto quanto è nelle loro umane possibilità per gestire gli eventi critici che si verificano quotidianamente, soprattutto sventando atti di autolesionismo, risse e tentativi di suicidio dei detenuti''.


Infine Capece conclude denunciando ''le contraddizioni evidenti, come quella di avere un centro clinico che ha bisogno di urgentissimi e strutturali lavori di manutenzione e di avere invece speso 5 milioni di euro per una sezione detentiva che a tutt'oggi è tale solo nei progetti: ciò aggrava il lavoro dei poliziotti penitenziari e la dignità stessa della pena''.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carcere Don Bosco, la sezione che non c'è: allarme rosso lanciato dal Sappe

PisaToday è in caricamento