Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Scuola, la protesta dei genitori: "Nel liceo 'Carducci' non ci sono abbastanza aule"

Il Comitato che raggruppa i genitori degli alunni iscritti all'istituto chiede spiegazioni a tutte le istituzioni

L'anno scolastico 2021-22 sul territorio della provincia di Pisa è iniziato da appena cinque giorni, ma già si addensano proteste e malumori da parte dei genitori per alcune situazioni di sovraffollamento delle aule e mancanza di spazi idonei allo svolgimento delle lezioni. E' il caso del liceo 'Carducci'in via San Zeno, per il quale si è mosso il Comitato dei genitori, che ha indirizzato una lettera a Provincia, Comune, Regione, Ufficio scolastico provinciale e regionale e alla dirigente dell'istituto Sandra Capparelli per evidenziare tutte le problematiche riscontrate in questo primo scorcio di lezioni.

"Siamo consapevoli dell’impegno dell’istituzione scolastica per riorganizzare gli spazi al fine di assicurare una ripresa delle attività didattiche in presenza e in piena sicurezza. Tuttavia rileviamo che il nuovo anno scolastico si apre con due dati di fatto molto preoccupanti" affermano i genitori degli alunni del 'Carducci'. "Nel nostro Liceo mancano tuttora all’appello ben 9 aule e, nonostante tale carenza fosse nota da mesi, non abbiamo ricevuto dalla Provincia indicazioni precise sulle ragioni di tale ritardo e sulle modalità di reperimento di spazi adeguati in tempi brevi; le scelte organizzative e didattiche messe in campo dalla Direzione Scolastica (Unità Oraria di 50 minuti e rotazione su 5 giorni di lezioni per tutte le classi) dovrebbero essere temporanee ma la situazione che si prospetta non ci rassicura in tal senso".

La lettera prosegue: "Nonostante il motivato appello della nostra Dirigente Scolastica e la richiesta della Provincia, il Comune di Pisa ha negato la concessione
al nostro Liceo degli spazi vuoti della Scuola dell’Infanzia Perodi, che rappresentavano una valida soluzione logistica per i nostri studenti, soprattutto quelli con disabilità grave, e per i nostri docenti". "Pertanto auspichiamo che sia definito al più presto un piano di reperimento delle aule mancanti in spazi adeguati e logisticamente ben collegati alla nostra sede - è la prima richiesta del Comitato dei genitori - che tale piano non eroda gli spazi dedicati ai Laboratori e alla Biblioteca e che rappresenti una soluzione duratura per gli anni a venire. Gradiremmo anche conoscere le ragioni della mancata concessione delle aule della Scuola Perodi, destinate dal Comune al Centro Provinciale Istruzione per Adulti, e che si valuti altresì la concessione almeno nelle ore mattutine. Inoltre siamo a chiedere l'attivazione di un tavolo di lavoro permanente tra tutte le istituzioni territoriali (Provincia, Comune, Ufficio Scolastico Provinciale) sull’emergenza ormai cronica della carenza di spazi scolastici degli Istituti Superiori della nostra città che coinvolga, oltre ai Dirigenti scolastici, anche rappresentanze dei genitori, dei docenti e degli studenti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, la protesta dei genitori: "Nel liceo 'Carducci' non ci sono abbastanza aule"

PisaToday è in caricamento