Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Via Ippica

Ex casa cantoniera destinata ai migranti: "La struttura non era inutilizzabile?"

Noi Adesso Pisa sull'immobile requisito dalla Prefettura e destinato all'accoglienza dei migranti: "Avevamo chiesto di farne la sede della Magistratura dei Satiri, evidentemente le priorità sono altre"

"Da anni chiediamo di destinare l'area dell'ex casa cantoniera alla Magistratura dei Satiri e alla barca celeste. Ci è sempre stato risposto che non si poteva fare perchè si trattava di una struttura pericolosa e fatiscente. Oggi scopriamo invece che è stata adibita all'accoglienza di una quindicina di profughi. Evidentemente quando bisogna fare qualcosa per la città e i cittadini si trovano delle scuse, quando invece si parla di profughi e immigrati allora tutto diventa possibile". E' la denuncia di Noi Adesso Pisa che questa mattina, mercoledì 19 aprile, ha convocato una conferenza stampa di fronte alla struttura di via Ippica (lato nord del Ponte dell'Aurelia), abbandonata dagli anni '90. L'immobile, di proprietà del Demanio, è stato requisito dalla Prefettura nelle settimane scorse con la Croce Rossa che sta portando avanti i lavori di ristrutturazione.

L'area avrebbe dovuto passare al Comune alcuni anni fa, in base al federalismo demaniale. Anche il Consiglio Comunale si era già espresso in questo senso, come nel caso dell'ordine del giorno votato all'unanimità il 26 novembre 2013. Il Comune ha chiesto il bene al Demanio, che però ha rifiutato l'attribuzione. "Nel corso degli anni - afferma Leonardo Sbrana, coordinatore di Nap - la zona è andata sempre di più degrandandosi, ospitando anche una comunità di senzatetto che poi è stata allontanata. Negli ultimi giorni si è poi venuti a sapere che l'immobile sarà destinato all'accoglienza dei profughi, con i lavori di ristrutturazione che sono già iniziati".

>>> IL SOPRALLUOGO ALLA EX CASA CANTONIERA: VIDEO <<<

Una decisione che non va giù a Nap che vedeva in questa zona le potenzialità per farne una dei posti più belli di Pisa: una sorta di 'nuovo viale delle Piagge', con pista ciclabile e attrezzi nel verde. "La nostra proposta - afferama l'ex consigliere comunale di Nap, Diego Petrucci - voleva raggiungere tre obiettivi: il primo riqualificare una zona abbandonata e ormai degradata. Il secondo era quello di dar sede alla Magistratura dei Satiri e alla barca blu, una sede che avesse anche una funzione di aggregazione sociale e di recupero delle nostre tradizioni. Il terzo obiettivo era quello di creare un circolo remiero e un locale serale, delocalizzando quindi in parte anche la movida".

Insomma secondo Nap sarebbe tutta una questione di 'priorità'. "Questo luogo poteva essere recuperato - affermano gli esponenti di Nap - e tutti i paletti che ci sono stati messi potevano essere aggirati con un pò di buona volontà. Evidentemente è una questione di priorità: noi avevamo in mente di valorizzare le nostre manifestazioni storiche, facendo dell'area un punto di aggregazione sociale, qualcun altro aveva invece altre priorità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex casa cantoniera destinata ai migranti: "La struttura non era inutilizzabile?"

PisaToday è in caricamento