rotate-mobile
Cronaca Pontedera

Casa, sociale e relazioni con il pubblico: il bilancio del 2022 dell'amministrazione

Lavoro importante sulle case popolari e sull'emergenza sociale; grande attenzione anche alle fasce più giovani della popolazione

Un 2022 con numeri rilevanti per gli uffici comunali di via Fratelli Bandiera, contigui all'Emporio civico e in prossimità della sede della polizia locale, dove operano i servizi relativi a Casa, Sociale e Urp. Tante le situazioni gestite, le attività, le prestazioni erogate. Ecco i dati salienti. Sul fronte casa tre i versanti: sulla gestione del patrimonio Erp (edilizia residenziale pubblica) e dell'emergenza abitativa sono stati assegnati 18 alloggi da Bando Erp, 1 in mobilità, 9 da utilizzo autorizzato. Gli uffici hanno svolto attività di controllo sulla condizione di sottoutilizzo, sovraffollamento e morosità degli alloggi assegnati, individuando 9 assegnatari che, per vari motivi previsti dalla legge, hanno perso i requisiti per potere permanere all'interno. L'ufficio ha dunque attivato le procedure di decadenza dal diritto all'alloggio con il recupero degli alloggi stessi.

Il secondo versante attivo è il progetto di 'Emergenza Casa' di via Martin Luther King 38/40, che prevede 3 alloggi in co-housing, che ospitano due nuclei di donne sole con figli e il progetto 'Sola/o con figli con quattro alloggi' che accolgono tre nuclei femminili e uno maschile. Infine sulla morosità incolpevole 2021 sono state gestite 40 pratiche in collaborazione con Casa Insieme: 22 sono state ammesse e liquidate o in fase di liquidazione, 16 sono state escluse per mancanza di requisiti, 2 sono ancora sospese in attesa di integrazioni.

Sui servizi sociali si contano 190 nuclei familiari (per un totale di 594 persone) beneficiari dell'Emporio civico, con oltre 29mila euro di buoni erogati, 310 nuclei familiari beneficiari di prestazioni sociali con contributi erogati (127 ordinari, 91 straordinari e 107 esenzioni scolastiche) per oltre 153mila euro. 618 le domande di prestazioni sociali protocollate e 30 gli 'economali' (aiuti d'urgenza per situazioni specifiche) erogati per un totale di 5mila euro. All'ufficio sociale sono arrivate 303 domande per il contributo all'affitto, 231 per il contributo idrico integrato, 121 per l'assegno al nucleo familiare, 47 domande di maternità Inps - Comune, 45 per il contributo regionale per le famiglie con figli minori disabili, 11 per la concessione degli orti sociali.

Veramente notevoli i numeri dello sportello Urp (servizi alla persona) con 1987 accessi, di cui 169 per informazioni e rilascio Spid. 28 le pratiche per l'ufficio di prossimità, con l'invio al Tribunale di nuove pratiche e integrazioni di pratiche già depositate. Gli uffici di via Fratelli Bandiera hanno seguito anche progetti europei definendo, coordinando e gestendo quattro progetti a carattere nazionale e internazionale indirizzati particolarmente alle problematiche giovanili, all'intercultura, all'inclusione e integrazione dei ragazzi di seconda generazione.

Nello specifico un progetto finanziato direttamente dal Consiglio d'Europa concluso con il festival 'New Generations on the wave' specifico per la formazione e l'integrazione, nonché la partecipazione attiva dei ragazzi di seconda generazione presenti sul territorio, '#Diversamente - Giovani contro le Discriminazioni' dove il Comune di Pontedera è partner cofinanziatore in collaborazione con Icei e Arci Valdera rivolto soprattutto alla formazione di educatori e giovani che vadano ad interagire con i ragazzi dai 16 ai 24 anni, '#Divercities - European Cities for Diversity and Participation' dove il Comune di Pontedera è partner attivo del programma Cerv della Commissione Europea che ha come obiettivo quello di sostenere la partecipazione democratica e facilitare l'identificazione di percorsi, buone pratiche e modelli condivisibili con altre città europee e infine '#Net-Idea', progetto europeo incentrato soprattutto sulla formazione interna ed esterna all'ente locale finalizzata all'abbattimento delle barriere discriminatorie, a favore di una formazione interculturale capace di creare un linguaggio comune che abbatta le barriere di vario tipo.

"Numeri importanti, dati rilevanti e un gran lavoro fatto dal personale degli uffici, che ringraziamo - hanno commentato gli assessori comunali al sociale Carla Cocilova e alla casa Sonia Luca - sempre nell'ottica di offrire servizi alla cittadinanza e di dare risposte rapide e concrete. Sono inoltre - aggiungono Cocilova e Luca - numeri alti, che testimoniano un bisogno sociale sempre più ampio, nonostante i tagli del governo alle risorse sul fronte dell'abitare e sul reddito di cittadinanza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casa, sociale e relazioni con il pubblico: il bilancio del 2022 dell'amministrazione

PisaToday è in caricamento