menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento della conferenza stampa a Sant'Ermete

Un momento della conferenza stampa a Sant'Ermete

Sant'Ermete, residenti infuriati: "Spariti i 10milioni di euro per le case popolari"

E' ciò che hanno denunciato dal Comitato di quartiere nel corso di una conferenza stampa. I soldi della Regione sarebbero serviti per la ricostruzione delle vecchie case popolari

Non ci sono più i dieci milioni di euro messi a bilancio dalla Regione Toscana per la ricostruzione a Sant’Ermete delle vecchie case popolari. E' quello che sarebbe emerso nel corso di un incontro, tenutosi mercoledì 30 marzo presso la sede dell’Apes, tra il Comitato di Sant’Ermete e i vertici dell’azienda comunale per l’edilizia popolare, il presidente Lorenzo Bani, il direttore Giorgio Federici ed il responsabile tecnico Enrico Quinti. E gli abitanti del quartiere sono infuriati.

"Mentre l’assessore alla Casa Zambito ancora annunciava per giugno 2016 l’inizio dei lavori di abbattimento delle case evacuate e recintate, un vero buco nero nel cuore del quartiere, arriva la notizia che i soldi sono già finiti - affermano i residenti - a un quinto dell’opera il progetto si ferma. Cosa resta? Niente case, un cantiere a recintare le rovine delle vecchie case, centinaia dei vecchi appartamenti ancora abitati abbandonati a se stessi con un quartiere ingannato".

“Questa è una beffa, vogliamo le dimissioni dell’assessore Zambito e dei dirigenti dell’Apes - afferma Lucia Fanucci del Comitato Sant'Ermete - che fine hanno fatto questi 10 milioni? Sono i nostri soldi. Da sei anni gli abitanti del quartiere aspettano che questo progetto di evacuazione dalle vecchie case venga completato e ora ci vengono a dire che non ci sono più i soldi. Guarda caso per il completamento del People Mover mancavano esattamente 10 milioni che ora sono stati trovati. Mentre noi continueremo a vivere in case piene di muffa e non a norma mentre i soldi per la città turistica si trovano. Non siamo più disposti a essere raggirati”.

E sulla vicenda interviene anche il gruppo consiliare Una città in comune-Prc. "Sulla questione del finanziamento regionale per la ricostruzione delle case popolari a Sant’Ermete, chiediamo al sindaco e all'assessore Zambito di riferire immediatamente al prossimo Consiglio Comunale - si legge in una nota - la Giunta deve chiarire con urgenza su quanto riferito dal presidente dell'Apes, Lorenzo Bani, durante un incontro con il Comitato di Sant'Ermete. Saremmo di fronte ad un fatto gravissimo, e gravissima sarebbe l'omissione in tutti questi mesi da parte del sindaco e della Giunta nei confronti degli abitanti delle case popolari, della città e dello stesso Consiglio Comunale. Servono risposte chiare e immediate, ma ancor prima la massima trasparenza sulla situazione. Qual è ad oggi la situazione di bilancio relativa all’operazione? Quante risorse mancano? Da parte nostra abbiamo attivato i consiglieri regionali di Si Toscana a Sinistra, Tommaso Fattori e Paolo Sarti, per presentare subito un atto ispettivo in Regione rispetto all'inserimento o meno di questo intervento nel bilancio regionale".

Intanto dal Comitato di Sant'Ermete non demordono e rilanciano per mercoledì 6 aprile un'assemblea pubblica di tutto il quartiere. “Lì decideremo il da farsi - dicono - è il momento di reagire ad anni di soprusi e prese in giro. Esigiamo che all’assemblea siano presenti gli assessori competenti e il presidente del Ctp 3: ci devono mettere la faccia, ognuno si deve assumere le proprie responsabilità. E’ troppo facile venire nel quartiere solo per fare passerelle”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Riaperto il Museo della Geotermia di Larderello

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento