Coronavirus in Toscana, oltre 2400 nuovi casi positivi e 29 decessi

Oltre 100 le persone ricoverate nelle ultime 24 ore. Quasi 600 i guariti

Sono 2.479 i nuovi casi di positività al Coronavirus registrati oggi in Toscana, contro i 2.787 di ieri. I deceduti diminuiscono di una sola unità, scendendo a 29. Anche i nuovi guariti diminuiscono: oggi sono 586 contro i 614 di ieri. Questi sono i dati - accertati alle ore 12 di oggi, 8 novembre, sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.
In Toscana sono quindi saliti a 62.946 i casi di positività al Coronavirus. I nuovi casi sono il 4,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti raggiungono quota 17.938 (28,5% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 1.214.035, 15.542 in più rispetto a ieri. Sono 8.264 i soggetti testati (escludendo i tamponi di controllo), di cui il 30% è risultato positivo.
A questi si aggiungono i 1.784 tamponi antigenici rapidi eseguiti oggi. Gli attualmente positivi sono oggi 43.447, +4,5% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.700 (118 in più rispetto a ieri), di cui 226 in terapia intensiva (12 in più).
L'età media dei 2.479 casi odierni è di 46 anni circa (il 13% ha meno di 20 anni, il 24% tra 20 e 39 anni, il 36% tra 40 e 59 anni, il 19% tra 60 e 79 anni, l’8% ha 80 anni o più).

Coronavirus in Toscana: i casi positivi

I casi di positività registrati a Firenze sono 554 in più rispetto a ieri, a Prato 336 in più, a Pistoia 267 in più, a Massa 99 in più, a Lucca 262 in più, a Pisa 347 in più, a Livorno 154 in più, ad Arezzo 252 in più, a Siena 139 in più, a Grosseto 69 in più.
La Toscana si trova al 7° posto in Italia come numerosità di casi (residenti e non), con circa 1.688 casi per 100.000 abitanti (la media italiana è 1.495),. Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 2.121 casi x100.000 abitanti, Pisa con 2.008, Firenze con 1.839, la più bassa Grosseto con 864.

Coronavirus a Pisa e provincia: i dati dell'8 novembre

Coronavirus in Toscana: isolamenti, guariti, ricoveri

Complessivamente, 41.747 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (1.746 in più rispetto a ieri, più 4,4%). Sono invece 35.242 (1.857 in meno rispetto a ieri, meno 5%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate.
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 1.700 (118 in più rispetto a ieri, più 7,5%), 226 in terapia intensiva (12 in più rispetto a ieri, più 5,6%).
Le persone complessivamente guarite sono 17.938 (586 in più rispetto a ieri, più 3,4%): 1.344 persone clinicamente guarite (50 in più rispetto a ieri, più 3,9%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 16.594 (536 in più rispetto a ieri, più 3,3%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo.

Coronavirus in Toscana: i decessi

I 29 decessi di oggi riguardano 18 uomini e 11 donne con un'età media di 83,7 anni. Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 13 a Firenze, 5 a Prato, 1 a Pistoia, 2 a Massa Carrara, 4 a Pisa, 3 a Livorno, 1 residente fuori Toscana.
Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 41,9 x100.000 residenti contro il 68,0 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (107,2 x100.000), Firenze (57,3 x100.000) e Lucca (44,1 x100.000), il più basso a Grosseto (12,2 x100.000).

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

Torna su
PisaToday è in caricamento