Castelfranco, stop alla sanificazione delle strade: "Il Ministero non ne garantisce l'utilità"

L'amministrazione comunale: "L'intervento di lavaggio dell'asfalto non è efficace nel contenere il Covid-19 e l'uso di sostanza chimiche rischia di creare danni all'ambiente"

Foto d'archivio

A seguito della circolare diffusa dal Ministero della Salute in merito alla mancanza di prove scientifiche che garantiscano l'efficacia della sanificazione delle strade nel contenimento del Covid-19, il Comune di Castelfranco di Sotto ha deciso di sospendere ogni intervento di sanificazione. Tale intervento straordinario, avviato la scorsa settimana nel Capoluogo, non risulta avere un'effettiva utilità "in quanto non esiste alcuna evidenza che le superfici calpestabili siano implicate nella trasmissione del Covid19", cita la circolare.

"Il servizio di lavaggio straordinario delle strade - spiega in una nota l'amministrazione comunale - era infatti stato attivato insieme ad altri Comuni del Comprensorio come misura preventiva atta a contrastare il diffondersi del Covid-19, ma in mancanza di una comprovata efficacia a questo scopo, occorre riconsiderarne l'attuazione. È inoltre necessario evitare rischi ambientali e salvaguardare la salute delle persone. Come specificato dal Ministero della Salute “esistono informazioni contrastanti circa l’utilizzo di ipoclorito e la sua capacità di distruggere il virus su superfici esterne (strade) e in aria”.

Per la sanificazione effettuata da Geofor lo scorso sabato 21 marzo era stata utilizzata una soluzione acquosa contenente ipoclorito in concentrazione 0,1%. Come specificato nella circolare ministeriale: "Il sodio ipoclorito, in presenza di materiale organici presenti sul pavimento stradale potrebbe dare origine a formazione di sottoprodotti estremamente pericolosi quali clorammine e trialometani e altre sostanze cancerogene volatili. Non è inoltre possibile escludere la formazione di sottoprodotti pericolosi non volatili che possono contaminare gli approvvigionamenti di acqua potabile".

L’uso estensivo di prodotti chimici per le strade potrebbe causare inquinamento ambientale. Oltre ad essere dannosa per l'ambiente, in alcune parti del mondo sono stati sollevati dubbi relativamente alla pericolosità della sostanza anche per la salute delle persone. La decisione di sospendere la sanificazione delle strade non implica nessuna modifica nell'ordinario servizio di pulizia delle strade con saponi/detergenti convenzionali (come consigliato all'interno della circolare inviata dal Ministero della Salute).

"Sulla base delle conoscenze scientifiche disponibili - ha commentato il sindaco di Castelfranco Gabriele Toti - non vi sono evidenze a supporto dell’efficacia della sanificazione delle strade e pavimentazioni esterne con prodotti chimici disinfettanti o igienizzanti.Tali procedure hanno inoltre implicazioni logistiche ed economiche da considerare, in assenza di un reale beneficio nel controllo dell’epidemia. Per questo il Comune di Castelfranco di Sotto ha deciso di sospendere il servizio, per la salvaguardia dell'ambiente e della salute delle persone".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Strutture sociosanitarie: focolai in tre centri del pisano

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

Torna su
PisaToday è in caricamento