Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

I Carabinieri celebrano la patrona 'Maria Virgo Fidelis' e la loro storia

Messa aperta alla cittadinanza nella Chiesa di San Pierino in Vinculis di via Cavour di Pisa il prossimo 21 novembre

Domani 21 novembre, alle 9.30, nella Chiesa di San Pierino in Vinculis di via Cavour di Pisa, sarà celebrata la Santa Messa nell'occasione cara all'Arma dei Carabinieri della Presentazione della Beata Vergine Maria. E' in questa data che  convergono tre diverse e importanti ricorrenze: la fine della Battaglia di Culqualber, in Abissinia, dove nel 1941 si confrontarono le truppe britanniche e quelle italiane, il 1° Gruppo Mobilitato Carabinieri si distinse per valore e abnegazione tanto che, seppur sconfitto, ricevette l'onore delle armi da parte degli avversari; il ricordo della Vergine Fedele, 'Maria Virgo Fidelis', appellativo al quale, nel novembre 1949, Papa Pio XII con la promulgazione di un 'breve apostolico' volle che fosse accostata la storica fedeltà dell'Arma, della quale la Madonna è da allora patrona; la giornata dell'Orfano, figlio dell'eroico militare che, per l'Arma e l'adempimento dei doveri, ha donato la propria vita.

Nella particolare missione assistenziale degli orfani è impegnata l'Opera Nazionale Assistenza Orfani Militari Arma Carabinieri (O.N.A.O.M.A.C.), fondata pochi mesi prima della promulgazione del 'breve apostolico' di Papa Pio XII e da allora sempre più attiva. Ad oggi, l'Opera assiste circa 1000 orfani, che accompagna, sostenendoli finanziariamente, nei loro studi fino al compimento e ai quali offre premi, sussidi e vacanze, a seconda dei meriti. L'Opera è sostenuta volontariamente ed esclusivamente dai militari dell'Arma.

La celebrazione di domani, presieduta da dall'Arcivescovo Giovanni Benotto sarà aperta alla partecipazione di tutti i fedeli pisani, che, in segno di vicinanza all'Arma, vorranno condividere questa particolare ricorrenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I Carabinieri celebrano la patrona 'Maria Virgo Fidelis' e la loro storia

PisaToday è in caricamento