rotate-mobile
Cronaca Montopoli in Val d'Arno

Montopoli celebra la Giornata mondiale del rifugiato

Il Comune partecipa al progetto di SAI SdS Empolese Valdarno Valdelsa

Il 20 giugno si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato secondo il volere dell’Assemblea delle Nazioni Unite, che ha istituito tale giornata per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla condizione di rifugiati, richiedenti asilo e sfollati che sono costretti a muoversi dalle loro case, lasciando le loro sicurezze, i loro affetti e la loro terra. Dai dati diffusi da UNHCR (Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati) emerge che nel 2022 il numero dei migranti forzati nel mondo ha superato, per la prima volta, i 100 milioni. A determinare questo dato pesa in modo significativo la guerra in Ucraina e il progressivo aggravamento delle altre crisi a livello mondiale, a partire da quella dell'Afghanistan.

Quest’anno, particolarmente segnato dalle crisi umanitarie che investono ormai l’assetto geo-politico e sociale mondiale, a livello nazionale si ricorda i venti anni dalla nascita del Sistema di Accoglienza e Integrazione, che negli anni si è evoluto cambiando organizzazione e denominazione da PNA, SPRAR, SIPROIMI fino ai giorni nostri in cui è riconosciuto come rete SAI - Sistema Accoglienza Integrazione. Dal 2011 i comuni del Valdarno Inferiore hanno scelto di rispondere in maniera attiva alle richieste ministeriali di accoglienza sul territorio delle persone giunte tramite migrazioni forzate: dapprima accogliendo i profughi arrivati nella provincia di Pisa a seguito dell’Emergenza Nord Africa, successivamente accogliendo e gestendo la nascita dei primi CAS sul territorio e poi decidendo di aderire, nel 2014, all’allora rete SPRAR (Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati) mettendo a disposizione 15 posti per uomini adulti e
6 per nuclei familiari, quest’ultimi ampliati nel 2021 di 5 posti: ad oggi la SdS Empolese Valdarno Valdelsa è titolare di 26 posti d’accoglienza, destinati a rifugiati, richiedenti asilo e profughi di guerra. La gestione del progetto è tuttora portata avanti dalla Cooperativa La Pietra d’Angolo, Comitato le Querce di Mamre e Associazione Arturo.

Dal 2014 al 2021 sono state accolte all’interno del progetto SAI SdS Empolese Valdarno Valdelsa 102 persone, gran parte dei quali con un’età compresa dai 25 ai 30 anni. La maggior parte di queste provenienti da Nigeria, Mali, Pakistan, Afghanistan e Somalia. Ogni persona accolta ha potuto usufruire non solo dei servizi di accoglienza ma di percorsi di inclusione sociale legati al rafforzamento delle competenze linguistiche, relazionali e professionali. Il progetto SAI ha dato l’opportunità alle persone accolte di seguire corsi professionalizzanti, accedere a tirocini di inclusione o di formazione al fine di favorire il loro ingresso nel mondo del lavoro e di conseguenza progressivamente nel tessuto sociale. Quest’anno in occasione del ventennale dalla nascita del progetto SAI, con l’intento di promuovere e far conoscere alla cittadinanza sistemi e progetti virtuosi di accoglienza è stata organizzata per il 23 giugno un’iniziativa, aperta alla cittadinanza e a tutte le associazioni, di presentazione del progetto SAI SdS Empolese Valdarno Valdelsa e di incontro con le persone accolte sul territorio attraverso il gioco della tombola. Seguirà alle ore 21 un buffet con piatti internazionali (gratuito su prenotazione 3427777332) e infine alle ore 21.30 la proiezione di 'Paese nostro', un film collettivo sull’Italia dell’accoglienza diffusa, realizzato dagli autori ZaLab e prodotto dal Ministero degli Interni, ma mai distribuito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montopoli celebra la Giornata mondiale del rifugiato

PisaToday è in caricamento