Coronavirus a Pontedera, i centri gioco si spostano online: le attività in programma

Sono previsti laboratori online, tutorial per attività pratiche, condivisioni di compiti scolastici e concorsi social

L'amministrazione comunale di Pontedera sta attivando una serie di attività in modalità 'smart' per il mantenimento dei rapporti con le famiglie, i ragazzi e i bambini frequentatori dei centri gioco della città. Il servizio è stato pensato dopo la chiusura delle strutture a causa dell'emergenza Covid-19, ed è stato attivato dalla Cooperativa sociale Arnera in accordo con il Comune.

Gli strumenti utilizzati per la realizzazione delle attività spaziano dalla messaggistica istantanea alla videochat, dalle piattaforme social al counseling (consulenza) educativo-telefonico. "Verranno organizzati laboratori online - spiega l'amministrazione in una nota - e pubblicati settimanalmente tutorial (lezioni in rete) per la realizzazione di attività pratiche; verrà creato un gruppo WhatsApp per lo scambio di materiali informativi educativi e letture animate; ci sarà un servizio di counseling educativo-telefonico, verranno svolte funzioni di supporto e assistenza alle famiglie per i compiti scolastici e la gestione delle piattaforme nella Didattica a distanza; ancora verrà realizzato un challenge o contest Instagram (una specie di sfida, un concorso sulla rete) in collaborazione con Arciragazzi Valdera e si darà supporto e assistenza alle famiglie per i compiti scolastici e la gestione delle piattaforme nella Didattica a distanza". Tutte le iniziative saranno pubblicizzate attraverso le pagine facebook di Arnera, Arciragazzi e del Comune di Pontedera.

Per le famiglie impegnate nella didattica a distanza è attivo anche il servizio di consegna a domicilio dei materiali necessari alla stessa didattica. Infatti tra i diversi servizi a domicilio disponibili nella lista aperta pubblicata sul sito del Comune di Pontedera ci sono anche quelli di librerie e cartolibrerie che consegnano materiale di cancelleria scolastica, libri e testi direttamente a domicilio. "Stiamo attivando tanti strumenti - ha commentato l'assessore alla pubblica istruzione Francesco Mori - teniamo molto alla scuola, allo studio, ma anche a rispondere alla complicata esigenza di svago dei giovani. Siamo vicini alle loro famiglie in questa crisi e ci stiamo impegnando per fornire le migliori opportunità e il massimo ventaglio di servizi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Strutture sociosanitarie: focolai in tre centri del pisano

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

Torna su
PisaToday è in caricamento