Coronavirus: un centro di ascolto Whatsapp per persone con problemi cardiologici

Lo ha realizzato il dottor Maurizio Cecchini, dell’associazione 'Cecchini Cuore' con il patrocinio della SdS Pisana

Un centro d’ascolto cardiologico in via Whatsapp. E’ l’ultima idea del dottor Maurizio Cecchini dell’Associazione 'Cecchini Cuore' per essere vicino ai pazienti con problemi cardiologici che in questo periodo di emergenza sanitaria si muovono da casa con maggiore difficoltà, realizzata grazie anche al patrocinio della Società della Salute della Zona Pisana. "Chi, come me, fa il medico aveva già colto il problema ma adesso e nei giorni scorsi è arrivata anche la conferma da uno studio della Società italiana di Cardiologica che, su un campione di cinquanta unità di terapia intensiva dal 12 al 19 marzo ha registrato 349 ricoveri rispetto ai 693 della stessa settimana del 2019. L’isolamento forzato - spiega il medico - frequentemente in solitudine, porta sia a sopravvalutare i sintomi che a sottovalutarli rendendo da una parte la vita del cardiopatico più infelice e dall’altra di ricorrere alle diagnosi e alle cure più tardivamente".

Così ecco l’idea del medico pisano: una linea whatsapp, con la possibilità quindi d’interagire anche visivamente, a disposizione h24. Basta comporre il 338.7228610. "Rispondo sempre - afferma Cecchini - come possono testimoniare anche le persone che hanno già chiamato, una decina al giorno in media, dato che il servizio è partito in via sperimentale già da alcuni giorni: al massimo, se proprio sono indaffarato, richiamo nell’arco di una decina di minuti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al medico anche il sostegno della presidente della SdS Pisana Gianna Gambaccini: "Abbiamo dato il nostro patrocinio e assicureremo tutto il supporto necessario: tutte le iniziative che consentono alle persone di stare a casa in sicurezza e tranquillità in questo periodo sono assolutamente da incoraggiare, in particolare quando riguardano una fascia particolarmente vulnerabile come i malati cardiologici, e soprattutto se sono promosse dai cittadini in modo assolutamente gratuito e volontario".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Covid in classe: cinque nuovi casi nelle scuole di Pisa

  • Coronavirus in Toscana, 90 casi in più: a Pisa 24 nuovi positivi

  • Coronavirus in Toscana: 156 casi in più, 32 a Pisa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento