Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Fondazione Pisa: nel 2016 il nuovo centro semiresidenziale per disabili

La struttura sorgerà in località La Fontina, al confine tra il Comune di Pisa e quello di San Giuliano Terme. Potrà ospitare un centinaio di disabili. Previsti cento posti di lavoro: le selezioni inizieranno però nel 2015

Entrerà in funzione nel 2016 il centro semiresidenziale capace di ospitare un centinaio di disabili e creato dalla fondazione Dopo di noi a Pisa, fondazione di scopo della Fondazione Pisa, che a regime darà lavoro a 100 addetti, più l'indotto creato da attività di catering, giardinaggio e manutenzioni varie. ''Nei giorni scorsi - ha detto Claudio Pugelli, presidente della fondazione bancaria pisana - abbiamo ritirato il permesso a costruire sul terreno che avevamo precedentemente acquisito e a primavera partiranno i lavori''. L'ente strumentale nato ad hoc avrà la gestione diretta della struttura e opererà, come da statuto, nel settore socio-assistenziale a favore di categorie sociali deboli.

Dal 2001 a oggi la Fondazione Pisa ha sostenuto 348 progetti nel settore dell'assistenza sociale, destinandovi contributi per circa 36 milioni di euro. Con queste caratteristiche, ha aggiunto Giuseppe Cecchi, direttore della Società della Salute della zona pisana, ''non esistono interventi analoghi in Toscana, perché qui non si limita l'investimento alla realizzazione di un centro, ma si attua un percorso di assistenza diretta che durerà negli anni, dando una significativa risposta alle esigenze del territorio e creando, in maniera diretta, nuova occupazione''.

Presidente della fondazione Dopo di noi a Pisa è il notaio Francesco Gambini, che sarà affiancato da persone provenienti direttamente dalla deputazione o dal consiglio di amministrazione della 'casa madre' e che percepiranno un ''corrispettivo simbolico''. La nuova fondazione dunque costruirà e gestirà direttamente una struttura idonea ad accogliere e fornire ospitalità con servizi socio-assistenziali, in regime misto diurno e residenziale a portatori di handicap tra cui adulti affetti da sindrome di Down, autismo, sindrome spastica, ma saranno escluse prestazioni di tipo sanitario.

L'intervento costerà 16 milioni di euro e prevede la realizzazione, su un terreno di 25 mila metri quadrati al confine tra i Comuni di Pisa e San Giuliano Terme, di una struttura all'avanguardia concepita in modo modulare e con soluzioni d'avanguardia per l'efficienza energetica, dislocata su un unico piano e progettata dallo studio Cspe di Firenze.

Le assunzioni del personale si faranno in una fase successiva, presumibilmente nel 2015, attraverso la selezione, formazione, reclutamento e acquisizione delle risorse professionali, a diverso grado di specializzazione, per la gestione operativa dell'attività. ''Quello della Fondazione Pisa - ha sottolineato il sindaco di San Giuliano, Paolo Panattoni - è un intervento che dà lustro al nostro territorio, ma che conferma anche la bontà della scelta fatta negli anni passati quando quest'area fu individuata come un luogo di cerniera tra diversi Comuni per realizzare un autentico centro-servizi della città allargata: nella stessa zona nascerà anche il nuovo campus universitario della Scuola Sant'Anna e già è attiva la residenza studentesca dell'università di Pisa''.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione Pisa: nel 2016 il nuovo centro semiresidenziale per disabili

PisaToday è in caricamento