rotate-mobile
Cronaca Le Piagge / Viale delle Piagge

Sms, la proposta: "Il centro espositivo diventi prolungamento della biblioteca"

L'intervento degli Amici della Sms Biblio sul bando che prevede la concessione degli spazi del centro alle associazioni pisane

A pochi giorni dalla scadenza del bando per la concessione degli spazi del Centro Sms alle associazioni cittadine (prorogata al 31 gennaio), interviene sulla questione Caterina Violo, presidente degli Amici della Sms Biblio. "Pisa è una città che annovera numerosissime realtà associative e solo 12 avranno la possibilità di essere ospitate all’interno della 'casa della cultura' in spazi angusti, quasi tutti senza finestre, ma potranno vantare una sorta di diritto di prelazione sugli spazi collettivi in esso presenti: il chiostro, la sala del Capitolo, l’anfiteatro, etc, riducendone anche solo parzialmente, la libera fruizione - sottolinea la presidente Violo - il Centro SMS è nato dall’ esigenza di destinare uno spazio espositivo pubblico alla città, che ne era sprovvista. In questo contesto, nel tempo, sono stati annessi un bar (SMS Cafè), e la casa degli artisti. Ci chiediamo, quindi, perché privare Pisa di questo particolare spazio che è stato finanziato e progettato con specifiche caratteristiche architettoniche e per altrettante particolari funzioni. Come associazione Amici della SMS Biblio di Pisa, proponiamo di destinare l’attuale Centro Espositivo SMS quale naturale prolungamento della biblioteca comunale e cioè alla vera casa della cultura cittadina, riconosciuta e apprezzata dall’intera città. Ciò consentirebbe alla biblioteca, nata già con spazi insufficienti, di ampliarsi integrando e potenziando le sue attuali funzioni, oggi certo sacrificate. Si potrebbe, ad esempio, ampliare lo spazio dedicato alle nuove acquisizioni o al deposito e ad altri servizi e attività quali la gestione e la valorizzazione della parte espositiva, la presentazione di libri, la possibilità di ospitare i gruppi di lettura in ambienti più idonei, l’organizzazione di convegni e corsi creando così un legame funzionale tra la biblioteca e il Centro".

"In ultima analisi - prosegue Violo - la biblioteca stessa potrebbe fungere da vero e proprio hub culturale per le associazioni della città; una sorta di interfaccia tra realtà diverse e tra queste e il Comune, le scuole e l’Università, i teatri, i musei e le altre biblioteche. Questo potrebbe rappresentare il primo e significativo passo verso l’avvio di una stagione che veda la cultura al centro del rilancio della città. Come associazione Amici della SMS Biblio di Pisa, ribadiamo ancora una volta e con forza il ruolo peculiare della biblioteca comunale: essa ricopre infatti sia sotto il profilo sociale (la biblioteca pubblica quale istituto della democrazia) che su quello più prettamente culturale (finché una comunità avrà a disposizione una biblioteca pubblica sarà più libera) un ruolo fondamentale per tutta la comunità di Pisa. Facciamo appello alla sensibilità della cittadinanza e alle forze politiche di Pisa perché quanto proposto possa realizzarsi" conclude la presidente degli Amici della Sms Biblio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sms, la proposta: "Il centro espositivo diventi prolungamento della biblioteca"

PisaToday è in caricamento