rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

'Pisa non dimentica': cerimonia per il 72° anniversario del bombardamento della città

Cade il 31 agosto 2015 il 72° anniversario del bombardamento di Pisa, definita come la "ferità più grande del secolo scorso" dal Sindaco Filippeschi durante la cerimonia commemorativa svoltasi lunedì mattina ai Navicelli

Nell'ambito della rete 'Majors for peace' di cui Pisa fa parte è stato ricordato oggi con una cerimonia il 72° anniversario del bombardamento della città. "Mai più città bersaglio" è lo slogan della manifestazione, legame fra la tragica storia del secolo scorso e la drammatica attualità delle guerre in corso nel mondo.

"Un atto di guerra – ha ricordato il Sindaco Marco Filippeschi – che ha sconvolto per sempre il volto della città con la perdita di vite umane, incolpevoli, e con la distruzione di un patrimonio economico, culturale e sociale. La ferita più grande dello scorso secolo di cui ancora oggi paghiamo le conseguenze. Non vogliamo che questi siano ricordi rituali – ha sottolineato il Sindaco – e oggi leghiamo all’attualità la nostra memoria. Pisa, città ferita, rappresenta tutte le città ferite ed in particolare, a 70 anni da quell’avvenimento, rappresenta anche Nagasaki e Hiroshima".

Alla cerimonia, tenutasi questa mattina presso il sostegno del canale dei Navicelli, erano presenti oltre al Sindaco l’assessora Marilù Chiofalo, il presidente Anpi provinciale Bruno Possenti; la vicedirettrice del CISP Enza Pellecchia; la vicepresidente del Consiglio Comunale Maria Chiara De Neri e le autorità cittadine Civili e Militari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

'Pisa non dimentica': cerimonia per il 72° anniversario del bombardamento della città

PisaToday è in caricamento