rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Cronaca Via del Brennero

Un'area verde dedicata alla memoria di don Waldo Dolfi

La cerimonia di intitolazione si è svolta sabato 11 febbraio

Si è svolta nella mattinata di sabato 11 febbraio la cerimonia di intitolazione di un’area a verde in via del Brennero a don Waldo Dolfi. Sono intervenuti il sindaco Michele Conti, l’assessore alle tradizioni della storia e dell’identità di Pisa Filippo Bedini, l’arcivescovo di Pisa Giovanni Paolo Benotto, il parroco di Santo Stefano don Carlo Campinotti e il dottor Giuseppe Meucci della parrocchia di Santo Stefano.

"Quella di stamani - ha dichiarato il sindaco Michele Conti - è un’intitolazione fortemente voluta dall’amministrazione comunale. Abbiamo ritenuto doveroso intitolare questo spazio lungo le antiche mura, all’inizio del quartiere di Porta a Lucca, a don Waldo per tutto quello che ha fatto per la sua parrocchia e il quartiere, dove, per oltre 20 anni, è stato parroco, portando avanti molte attività importanti e diventando punto di riferimento per tante persone del quartiere. Successivamente ha avuto incarichi nella diocesi, dedicandosi alle sue passioni, come la storia dell’arte, lo studio dei beni culturali ed ecclesiastici non solo qui a Pisa, ma anche a livello toscano e nazionale. Oggi questa intitolazione è stata l’occasione per ricordarlo, insieme a tante e tante persone che hanno partecipato perché l’hanno conosciuto, sono rimasti segnati dai suoi insegnamenti e hanno voluto raccontare la propria storia. Credo che questo sia un modo importante per condividere con la comunità un percorso di vita e di esperienze che poi rimarrà a futura memoria per le nuove generazioni".

"Nei 22 anni a guida della parrocchia di Santo Stefano - ha dichiarato l’assessore Filippo Bedini - Don Waldo ha creato moltissimo. E' stato innanzitutto un costruttore: tutte le iniziative per cui la parrocchia è diventata famosa nella diocesi sono nate con le idee di Don Waldo, che era un grandissimo evangelizzatore con una vasta preparazione sulla scrittura e una forte capacità di insegnarla. Ma soprattutto è stato un grandissimo uomo di cultura: nella seconda parte della sua attività, quando è stato trasferito in Duomo, ha ricoperto ruoli importanti e prodotto libri significativi, che dedicano attenzione alla chiesa come struttura. Con un impegno a fare delle chiese luoghi di arte fruibili da un punto di vista culturale, ma anche come strumenti di evangelizzazione, sempre attraverso l’arte".

Sacerdote, nato a La Spezia il 19 luglio 1930, diventato pisano d’adozione, avendo frequentato il Seminario Arcivescovile fino all’ordinazione a sacerdote il 28 giugno 1953, don Waldo ha trascorso tutta la sua vita a Pisa e per Pisa e la sua Chiesa. E' stato per 10 anni vice rettore del Collegio Santa Caterina. Il primo incarico parrocchiale è nel 1964, come Curato a Ripoli. Nel 1966 inizia la sua esperienza a Porta a Lucca, come parroco della Comunità di Santo Stefano extra moenia. Un servizio vissuto intensamente per 22 anni, fino alla fine del 1988, caratterizzato da una tensione pastorale che si collocava nel solco del rinnovamento aperto dal Concilio Vaticano II.

Significativa la dedica che don Waldo pone al volume 'Oltr’Ozeri', pubblicato nel 1987, che contiene notizie intorno alla chiesa, al monastero e alla parrocchia di Santo Stefano: "Questo libro, scritto con buona volontà da parte di chi in venti anni ha imparato ad amare Porta a Lucca, è dedicato a tutti gli abitanti fuori le mura". Nel 1988 viene nominato responsabile dell’Ufficio Catechistico Diocesano. Dal 1990 canonico e dal 1996 arciprete della Cattedrale. Per le sue competenze in campo storico-artistico dal 1997 è stato delegato della Conferenza Episcopale Toscana e della CEI per l’Ufficio dei Beni Culturali della Chiesa. Una vita dedicata all’Annuncio e alla conoscenza della Parola. E alla contemplazione dell’arte sacra: le immagini, le sculture, le architetture che sapeva leggere e spiegare con competenza e con amore erano uno strumento per giungere all’incontro con il Signore. Tornato alla Casa del Padre il 24 agosto 2009, riposa nel Camposanto Monumentale, nel lato Nord.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un'area verde dedicata alla memoria di don Waldo Dolfi

PisaToday è in caricamento