Servizi comunali: i certificati anagrafici si ritirano dal tabaccaio

E' stato approvato lo schema di convenzione per l’attivazione del nuovo servizio per favorire e semplificare le procedure per i cittadini

A breve i cittadini pisani potranno richiedere le certificazioni anagrafiche come certificato di nascita, di cittadinanza, di residenza, di matrimonio, di stato di famiglia, ecc. direttamente dai tabaccai autorizzati, senza necessità di recarsi presso gli uffici dell’Anagrafe del Comune. È stato infatti approvato dalla Giunta comunale riunita ieri lo schema di convenzione tra Comune di Pisa e Federazione Italiana Tabaccai (FIT) per l’attivazione del servizio di estrazione e rilascio delle certificazioni anagrafiche presso gli esercizi autorizzati associati alla Federazione presenti sul territorio comunale, subordinatamente al periodo di sperimentazione del gestionale applicativo e previa autorizzazione al collegamento informatico alla banca dati dell’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR). La convenzione con la FIT coinvolge anche la società Novares SpA (Gruppo FIT) come soggetto attuatore.

Il nuovo canale di erogazione dei certificati si va ad aggiungere ai servizi on-line che permettono di ottenere le certificazioni anagrafiche agli utenti registrati sul Portale dei Servizi OnLine del Comune di Pisa, senza doversi recare presso gli sportelli comunali. La necessità di introdurre un nuovo canale di accesso ai servizi è dimostrata dal fatto che nel 2019 soltanto il 16,4% dei certificati anagrafici emessi è stato rilasciato tramite il servizio on-line, mentre sono stati 14.770 gli accessi fisici agli sportelli dell’Anagrafe per ottenere le certificazioni. Un dato che dimostra come la maggior parte degli utenti o non possiede gli strumenti informatici adeguati o non ha la capacità e il tempo di usarli per usufruire del servizio di certificazione on line, continuando a preferire di recarsi presso gli uffici comunali. Per questo motivo, considerando anche l’obbligo di prenotazione introdotto dalla necessità di scaglionare gli accessi agli uffici comunali in fase di emergenza epidemiologica, l’amministrazione ha ritenuto importante fornire una nuova modalità di erogazione che può veramente andare incontro alle esigenze dei cittadini.

Per semplificare ulteriormente la procedura e renderla accessibile a tutti i cittadini, non è previsto alcun sistema di riscossione di denaro da parte dell’utenza per il pagamento dei diritti di segreteria. Per i certificati assoggettati all’imposta di bollo, saranno utilizzate nuove etichette segnatasse autoadesive fornite direttamente dai tabaccai e sarà effettuata la registrazione on–line del numero identificativo, senza alcuna altra formalità. L’amministrazione, considerando i benefici che il nuovo servizio comporta in termini di ottimizzazione delle risorse, razionalizzazione dei processi e riduzione degli accessi agli sportelli fisici, rinuncerà all’incasso dei diritti di segreteria. I tabaccai autorizzati potranno applicare, come corrispettivo per l’erogazione del servizio, l'importo di 2 euro per ogni certificazione richiesta dall’utente.

“L’Amministrazione comunale - dichiara il vicesindaco Raffaella Bonsangue - ha ritenuto utile introdurre questa nuova modalità di rilascio della certificazione per migliorare la qualità del servizio offerto ai cittadini, semplificare le procedure di accesso e velocizzare i tempi di rilascio. Una semplificazione e un vantaggio a tutela dei cittadini, soprattutto in questo periodo in cui permangono le limitazioni di accesso agli uffici dovute all’emergenza sanitaria, che hanno allungato i tempi di attesa per gli utenti. Grazie a questa convenzione con i tabaccai viene istituito un nuovo canale di erogazione che consente di ottenere il certificato anagrafico in orari che non sono coperti dagli sportelli, con modalità semplici e accessibili a tutti i cittadini. Un vantaggio economico e un’ottimizzazione del servizio, sia per l’amministrazione in termini di risparmio di risorse umane e strumentali, che per l’utenza in termini di miglioramento del servizio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana: più di 1.800 i nuovi casi, 5 decessi a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Cisanello, ambulanze in fila per l'area Covid: "In piena fase emergenziale, serve la collaborazione di tutti"

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento