Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Mobilità sostenibile: Pisa premiata dalla Commissione Europea con il certificato Quest

Nell'arco di 30 mesi l'amministrazione comunale ha fornito il quadro della sua mobilità. Dal materiale è emerso che il Comune ha adottato un numero rilevate di piani che programmano la mobilità della città e dell'intera area pisana

L’Europa premia Pisa per gli sforzi fatti verso una mobilità più sostenibile. È la sintesi di un percorso iniziato nel maggio 2010 e durato 30 mesi, che ha portato alla consegna del certificato Quest (Quality management tool for Urban Energy efficient Sustainable Transport) da parte dell’Agenzia Esecutiva per la competitività e l’innovazione (EACI) della Commissione Europea.

Il certificato è stato ritirato a Budapest, il 5 settembre scorso. A rappresentare la città di Pisa l’architetto Marco Bertini di Pisamo. Lo stesso riconoscimento è andato alle città di Treviso, Padova, e Reggio Emilia.

Nell’arco di 30 mesi la città di Pisa ha fornito, attraverso questionari e colloqui, il quadro della sua mobilità. Da questa prima fase di audit sono emerse le necessità di coordinare le politiche con tutta l’area pisana che influenza i flussi cittadini, l’importanza del ruolo di hub ferroviario ed aereoportuale, le potenzialità del circuito fluviale naturale ed artificiale.

In particolare è emerso come il Comune abbia adottato un numero rilevate di piani che programmano, a medio e lungo termine, la mobilità della città e dell’intera area pisana. Tra i più rilevanti il Piano strategico dell’area pisana (2008) e il Piano Strutturale dell’area pisana (2013), il Piano generale del traffico (PGTU aggiornato al 2005), i Piani di Azione Comunale (2007) e Piani per l’eliminazione delle Barriere (2013) e Il Piano per l’energia sostenibile (2013).

Gli incontri Quest hanno portato all’elaborazione di proposte, in particolare per quanto riguarda l’informazione (comunicazione mirata a cittadini, turisti e ciclisti), la mobilità ciclabile (Bici-plan, quantità e qualità delle piste, parcheggi per biciclette, bike sharing accessibile a ipovedenti e disabili) e trasporto pubblico (paline elettroniche e pedaline in tutti i bus).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mobilità sostenibile: Pisa premiata dalla Commissione Europea con il certificato Quest

PisaToday è in caricamento