Cronaca Centro Storico / Lungarno Gambacorti

Chiesa della Spina, la conchetta è ancora rossa: nessuno se ne cura più

A distanza di due mesi nessuno è intervenuto e il prezioso monumento sui Lungarni presenta ancora la colorazione rossastra dovuta all'acqua piovana venuta a contatto con resti di gesso lasciati all'interno della conchetta

La conchetta della Chiesa della Spina come si presenta oggi

"La nostra città ci riempe di orgoglio con i numerosi gioelli di arte, di storia e di architettura che compongono il nostro tessuto urbano, e sappiamo bene quanto sia difficile la loro tutela da atti vandalici e ogni tipo di salvaguardia sembra non bastare mai a proteggerli da attacchi di ogni tipo". Inizia così il comunicato stampa inviato da Sergio Mantuano, membro del Comitato Comunale UDC di Pisa, e Antonio Cassisa, che sollecitano un intervento alla conchetta della Chiesa della Spina per togliere la colorazione rossa, dovuta ad un effetto dell'acqua piovana venuta a contatto con del gesso.

"La chiesa della Spina - scrivono i due - è un gioello di quel patrimonio a cui facciamo riferimento e che fu colpito da una omertosa mano armata di vernice a spray nero, che pensando di mandare chi sa quale messaggio di infamia verso la nostra città aveva, in realtà, colpito nel cuore un'opera gotica di enorme spessore. Il susseguirsi delle polemiche e della richiesta di maggiore attenzione verso l'opera portarono all'installazione di alcune telecamere di sicurezza".

"Un secondo, preoccupante episodio ha reso, purtroppo, partecipe la Chiesa della Spina - proseguono - quando durante una giornata di pioggia la conchetta esterna si tinse di rosso. La preoccupazione della città venne subito placata da un sopralluogo di responsabili che affermavano si trattasse solo di un gessetto che la quantità di pioggia di quei giorni aveva sciolto nella conchetta stessa, ipotesi accreditata con tanto di immagini delle telecamere di sorveglianza che riprendendo la scena mostravano tingersi la conchetta di rosso senza che nessuno fosse presente, il tutto, affermavano i tecnici, sarebbe tornato ben presto alla normalità".

Ma oggi la conchetta è ancora tutta macchiata di rosso.

"Pare evidente, visto anche il tempo trascorso e le piogge che si sono susseguite - concludono Mantuano e Cassisa - che il danno sia più grave di un semplice gessetto sciolto nell'acqua, rivolgiamo quindi il nostro appello alla sensibilizzazione sul monitoraggio urgente della situazione, su cosa sia davvero successo, sui tipi di intervento previsti e sui tempi di realizzazione affinchè la Chiesa della Spina possa tornare al più presto a mostrarsi a Pisa, ai Pisani e a tutti i turisti che ogni giorno vengono a visitarla nel suo antico splendore".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiesa della Spina, la conchetta è ancora rossa: nessuno se ne cura più

PisaToday è in caricamento