menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chirurgia, fusione spinale: innovativa ricerca diventa azienda spin-off

Brevettato da ricercatori pisani uno strumento che permettere interventi più precisi e sicuri. A breve il lancio sul mercato

Una lunga attività di ricerca ha portato lo scorso luglio ad un'operazione chirurgica di successo nel campo dell'ortopedia, con quindi adesso la creazione di un'azienda spinoff che commercializzerà il prodotto brevettato, ideato per migliorare la tecnica operatoria della fusione spinale.

Facciamo un passo indietro. Era il 2011 quando a Londra, in occasione del congresso mondiale Caos, cioè 'Computer assisted orthopedic surgery', l'ingegner Vincenzo Ferrari (ricercatore di Ingegneria biomedica) ed il dottor Paolo Parchi (Unità operativa di Ortopedia 1 universitaria, diretta dal professor Michele Lisanti) presentarono i risultati di un lavoro sviluppato in EndoCAS, il Centro di eccellenza per la chirurgia assistita al calcolatore dell’Università di Pisa, diretto dal professor Mauro Ferrari, con sede all'Ospedale di Cisanello.

Da allora il gruppo di ricerca ha ottimizzato la soluzione per la chirurgia spinale grazie al lavoro delle due ingegnere Sara Condino e Marina Carbone, entrambe post-dottorande di EndoCAS, e lo scorso luglio è stato operato con successo, dal dottor Parchi, il primo paziente seguendo questo nuovo approccio che consente la massima precisione grazie alla guida, assistita al calcolatore, nell'inserimento delle viti.

Questa guida si avvale, in particolare, di 'dime' chirurgiche, ausili per il posizionamento certo degli impianti, ideate a Pisa, che permettono appunto di guidare con estrema precisione le viti nell'intervento di fusione spinale; un'alternativa sicuramente più efficiente ed economica per gli interventi in chirurgia aperta.

Il gruppo di ricerca pisano ha creato pertanto un'azienda spinoff, che riporta sia il marchio dell’Università di Pisa sia della Scuola superiore Sant’Anna, per immettere a breve la soluzione sul mercato. Il brevetto descrive come realizzare ed adattare, sulla base delle immagini radiologiche del paziente, una dima chirurgica dotata di cannule di foratura da adagiare sulle vertebre del paziente per poi procedere con precisione e sicurezza alla fase di cruciale foratura ed inserimento delle viti. In questo tipo di interventi, ormai frequenti sia in Italia che nel resto del mondo, la precisione nell'impianto delle viti è proprio l'aspetto cruciale per il buon esito della procedura chirurgica e per questo motivo sul mercato sono appena uscite anche complesse soluzioni robotiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Indice di massa corporea, cos'è e come si calcola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento