Cultura: l'associazione Teatro Rossi Aperto si scioglie

L'annuncio su Facebook. Alla base della decisione i piani di recupero della struttura, troppo diversi da quanto proposto dall'associazione

Si chiude l'esperienza dell'associazione Teatro Rossi Aperto. La struttura potrebbe ancora vedere altre iniziative, dato l'interesse espresso in questo senso da cittadini ed altri soggetti che da tempo frequentano lo spazio, ma il punto di riferimento che a lungo ha portato avanti la battaglia del recupero ora ha deciso di non proseguire la sua attività.

L'annuncio è stato dato ieri, 11 ottobre, sulla pagina Facebook del Teatro Rossi Aperto. "L'associazione Teatro Rossi Aperto si scioglie. Il Programma di Valorizzazione del Teatro Rossi elaborato da PTS Clas su incarico e linee guida della Regione Toscana non è stato ritenuto coerente rispetto a quanto deciso collegialmente ed è apparso in contrasto con i principi statutari dell’Associazione. Questo ha aperto una lunga fase di crisi per l’Associazione che ha portato alla decisione di scioglimento".

PTS Clas è il consulente incaricato di fare il programma di valorizzazione del teatro, una proposta che diverge da quella sempre sostenuta dall'associazione pisana: "Gli obiettivi prefissati - prosegue la nota - quali la messa in sicurezza e la rifunzionalizzazione del teatro secondo un'apertura sostenibile con cantieri brevi ed in più fasi, non sono stati conseguiti. Inoltre, la delibera approvata dalla Giunta Regionale non ha previsto alcuno stanziamento di fondi per rendere il Programma di Valorizzazione minimamente praticabile. Il Programma di Valorizzazione prevede (se mai finanziato) un cantiere della durata di diversi anni per la progettazione ed esecuzione dei lavori e un costo complessivo ben superiore ai 5 milioni di euro che prefigurano la sorte di un teatro inesorabilmente e permanentemente chiuso per mancanza di portatori di interesse. Un vecchio leit motiv".

"Dopo circa 8 anni, il 27 settembre 2020, durante un'Assemblea aperta alla città svoltasi al teatro Rossi, l’Associazione TRA ha comunicato la propria decisione di considerare terminato il proprio mandato" è la chiusura dell'associazione, che però apre ad altre opportunità di iniziative: "Durante la stessa Assemblea si è manifestata da parte di singoli, collettivi e associazioni, la volontà di proseguire l'esperienza di apertura e gestione del teatro Rossi. Ai nuovi soggetti, al momento impegnati in una fase costituente, vanno i migliori auguri del TRA".

"L’associazione auspica - conclude la nota - che l’apertura del Teatro Rossi continui ad essere una necessità civica e sociale di tutti, da condividere e rilanciare su tutta la città, e sulle realtà culturali che la compongono. Questo punto chiama in causa ognuno di noi come cittadino, con o senza l'associazione Tra, nessuno escluso".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Coronavirus in Toscana: più di 1.800 i nuovi casi, 5 decessi a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento