Coronavirus, chiuso l'accesso a Marina di Vecchiano: "Troppe persone, dobbiamo evitare assembramenti"

Disposta l'ordinanza dal sindaco Angori per i fine settimana a causa della presenza di molte persone a passeggio con il bel tempo

Dalle 14 alle 19 di sabato 14 marzo e dalle 8 fino alle 19 di domenica 15 marzo è vietata la circolazione di veicoli sulla via del Mare, e quindi l’accesso veicolare a Marina di Vecchiano, fatta eccezione per i residenti. La decisione è stata adottata dal Comune di Vecchiano nella prima mattinata di sabato 14 marzo, ed è disciplinata da apposita ordinanza del sindaco Massimiliano Angori.

"Abbiamo deciso di adottare anche questo provvedimento urgente in conformità con i Decreti Governativi atti a mettere in campo tutte le misure a salvaguardia della salute pubblica, per il contenimento della diffusione del Covid-19, in particolare quelle finalizzate a limitare la circolazione dei veicoli sul litorale, e da qui le occasioni di assembramento tra le persone - spiega il primo cittadino - il provvedimento sarà valido anche tutti i prossimi fine settimana, fino a nuova diversa disposizione. I trasgressori saranno sottoposti a sanzione amministrativa con multa fino a 500 eur".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nell’ultima settimana - racconta Angori - vista la bella giornate di sole, anche Marina di Vecchiano, nonostante le limitazioni già nazionali in atto, è stata meta di numerose persone a passeggio sul litorale e sulla spiaggia; in questo momento dobbiamo invece evitare gli assembramenti per contenere la diffusione del contagio da Covid19. Ritengo indispensabile - ribadisce oltre gli appelli dei giorni scorsi - che ciascuno di noi faccia la propria parte per riuscire a vincere quanto prima questa guerra contro un nemico invisibile, ma spietato: gli spostamenti pertanto devono essere limitati, in base alle norme nazionali, per ragioni di estrema necessità quali: il sostentamento, comprovate esigenze lavorative e sanitarie. A fare la spesa nei supermercati e negozi di prima necessità deve andare una persona per famiglia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto con una freccia di balestra nel petto

  • Auto contro moto a San Giuliano Terme: muore 31enne

  • Lutto all'Aoup: dottoressa muore a 36 anni

  • Coronavirus in Toscana: solo 5 i nuovi casi, 2 i decessi

  • Coronavirus in Toscana, 12 nuovi casi: nel pisano 2 positivi in più e nessun decesso

  • Coronavirus in Toscana, solo 3 i nuovi casi: a Pisa zero nuovi contagi e nessun decesso

Torna su
PisaToday è in caricamento