Vendita di alcol oltre l'orario consentito: il Tar respinge il ricorso del minimarket

Il locale in questione aveva violato più volte le regole di vendita alcolici. L'assessore Bonanno: "Chiusura frutto dell'impegno di questa amministrazione"

(foto d'archivio)

Il Tar della Toscana ha respinto il ricorso presentato da un minimarket del centro di Pisa che lo scorso 6 giugno, tramite provvedimento della Prefettura di Pisa, aveva avuto la sospensione della licenza. Lo rende noto il Comune di Pisa. Il locale era stato nuovamente multato dalla Polizia Municipale per vendita di alcol fuori dall’orario consentito. Analoghe infrazioni erano già state rilevate nel 2018 e nel 2019.
I titolari dell’attività, tramite i propri legali, come annuncia l'amministrazione comunale,hanno però presentato ricorso al Tribunale Amministrativo, che lo scorso 8 luglio, ha respinto il ricorso in oggetto, dichiarandolo “infondato”. Il Tar della Toscana ha spiegato che la “sanzione commiata al ricorrente risulta, nella misura, giustificata dalle molteplici e analoghe contestazioni rivoltegli anche negli anni passati”. La Polizia Municipale è quindi intervenuta giovedì 9 per eseguire il provvedimento della Prefettura e provvedere a chiudere il minimarket.

“Ringrazio la Prefettura di Pisa per il lavoro di collaborazione con Comune e Polizia Municipale che ha permesso di portare a termine il provvedimento di chiusura del minimarket  - dichiara l’assessore Giovanna Bonanno - abbiamo accolto la sentenza del Tar con grande soddisfazione perché rende merito al lavoro portato avanti dai nostri agenti nel contrasto alla vendita di alcol fuori dagli orari e nel rispetto delle regole da parte di tutti. Il minimarket in questione è stato inoltre segnalato più volte per la presenza di spacciatori e persone note alle forze dell’ordine. La sua chiusura rappresenta un risultato importante, frutto dell’impegno di questa amministrazione sia sul fronte del contrasto alla vendita di alcolici al di fuori delle regole, un problema sociale che sta assumendo gravi dimensioni soprattutto per i più giovani, sia sul fronte più ampio della sicurezza in città. Un risultato che è frutto della collaborazione con la Prefettura. Proprio in questi giorni abbiamo infatti costituito insieme una task force finalizzata a migliorare la circolarità informativa necessaria a definire tempestivamente i provvedimenti sanzionatori nei confronti di quella attività commerciali che non rispettano le regole e continuano a commettere violazioni, alimentando illegalità e degrado in città”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Incendiato da ignoti storico negozio di abbigliamento: "Duro colpo, ma non mollo"

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

Torna su
PisaToday è in caricamento