Cronaca Volterra

Volterra, punto nascita: chiuderà il prossimo 1 luglio

Vani i tentativi del sindaco Buselli, la decisione è stata annunciata dal direttore generale Usl 5 Rocco Damone: "La flessione è stata forte, solo 7 donne hanno partorito a Volterra in questi primi mesi del 2011". Buselli: "Chiusura già decisa da tempo"

Alla fine il punto nascita di Volterra chiuderà i battenti e con esso anche il progetto sperimentale "Il parto in Alta Valdicecina: un modello organizzativo possibile". A dare l'annuncio il direttore generale della Asl 5 Rocco Damone. A nulla sono valsi dunque i tentativi di dissuadere l'azienda sanitaria pisana promossi negli ultimi tempi dal sindaco di Volterra Marco Buselli. Il progetto triennale, promosso dal dottor Massimo Srebot, termina qui.

"In questi tre anni di sperimentazione abbiamo osservato un calo costante di parti a Volterra e sono soprattutto le donne dell'Alta Valdicecina a preferire altri ospedali per far nascere i propri figli" commenta il direttore generale Damone. i numeri parlano chiaro, la discesa è stata vertiginosa tanto che se nel 2009 i parti a Volterra erano stati 70, nel 2010 se ne contavano 51, mentre nel primo trimestre del 2011 solamente 7 donne hanno deciso di partorire all'Ospedale Santa Maria Maddalena di Volterra, che comunque conserverà tutti i servizi consultoriali, le attività di prevenzione e monotoraggio della gravidanza. "Il percorso è tutelato e si fa carico di indirizzare le donne verso le strutture corrette" sottolinea  ancora il professor Damone.  

"Un atto di forza inaccettabile nel metodo e nel contenuto". Questo il lapidario commento del sindaco Buselli: "Daremo battaglia, anche perché è stata negata a priori la possibilità, come è stato chiesto, di qualsiasi proroga e quella di riaprire il tavolo per riesaminare il progetto, insieme a chi l'ha costruito, mentre con atto unilaterale si impone una decisione irrevocabile".


 "Tra l'altro ho scoperto per caso - comunica il sindaco - che addirittura ad un'operatrice, avrebbero già da giorni stilato il turno per Pontedera. Altro segno evidente che la decisione era già presa e non suscettibile di trattative". "I Sindaci della zona non possono essere chiamati - continua Buselli - a ratificare decisioni già prese da altri. E' per questo motivo che stamani abbiamo rigettato, con l'esclusione del sindaco di Montecatini, la chiusura senza appello del Punto Nascita a Volterra. Abbiamo chiesto a più riprese una proroga di almeno un anno del progetto, per ricalibrare eventuali aggiustamenti. La Direzione aziendale è stata irremovibile, appellandosi ai numeri. Una motivazione inconsistente, se si pensa che i dati forniti, assolutamente parziali ed in tal senso fuorvianti, non possono essere decontestualizzati". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volterra, punto nascita: chiuderà il prossimo 1 luglio

PisaToday è in caricamento