Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Montescudaio

Montescudaio: cittadinanza onoraria ai bambini stranieri nati in Italia

La decisione è stata presa all'unanimità dal consiglio comunale: saranno 12 i bambini che beneficeranno del provvedimento. Dopo le polemiche sul presepe di Don Armando a Perignano, si torna così sull'argomento

Cittadinanza onoraria per i figli di immigrati nati nel nostro Paese. E' il comune di Montescudaio, tra i primi in Italia, ad aver preso la decisione, adottando il principio dello "ius soli". La decisione presa dal consiglio comunale, che ha votato all'unanimità una delibera per la concessione della cittadinanza a 12 bambini di origini albanesi, marocchine e moldave, riporta con il pensiero alle polemiche che scatenò il presepe allestito nella chiesa di Perignano, nel comune di Lari, da Don Armando Zappolini che appoggiava la campagna "L'Italia sono anch'io" a favore della proposta di legge di concedere appunto la cittadinanza italiana ai bambini stranieri nati nel nostro Paese. Ma Forza Nuova accusò lo stesso parroco di aver messo in atto una trovata propagandistica fuori luogo, definendolo addirittura uno showman. Da qui dunque istituzioni e cittadini si schierarono al fianco di Zappolini, contro le critiche del gruppo di estrema destra. Oggi il comune di Montescudaio torna sull'argomento con un provvedimento significativo.

"Non è una rivoluzione, ma un gesto importante - dice il sindaco Aurelio Pellegrini - che tra l'altro coinvolge una comunità non piccola: Montescudaio ha 2.050 abitanti e gli immigrati sono 168, l'8% della popolazione. Persone integrate, che lavorano. Il padre di uno dei bambini che abbiamo insignito é anche consigliere degli stranieri". La cerimonia ufficiale di consegna della cittadinanza ai nuovi montescudaini, i cui nomi saranno scritti su una targa affissa nella sala del consiglio, ci sarà il 16 marzo alle 10.30, all'Istituto comprensivo Griselli. Il provvedimento del Comune dà appunto anche una spinta alla campagna "L'Italia sono anch'io", per il riconoscimento dei diritti di cittadinanza e di voto ai cittadini immigrati. "Credo - conclude Pellegrini - che questo argomento non debba rimanere oggetto di discussione solo per pochi illuminati. L'abbiamo fatto anche per costringere la gente a riflettere su questo tema".


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montescudaio: cittadinanza onoraria ai bambini stranieri nati in Italia

PisaToday è in caricamento