Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca

Normale e Sant'Anna tra le migliori 200 università del mondo

Un risultato che premia i due istituto d'eccellenza della città della Torre che lavorano per migliorare ancora

Una grande soddisfazione per la Scuola Normale Superiore e la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa che entrano a far parte della classifica mondiale delle 200 migliori università al mondo secondo il QS World University Rankings 2018. "I risultati sono ottimi per il posizionamento globale e per quello in Italia, dove il podio è condiviso con grandi istituzioni come il Politecnico di Milano e l’Università di Bologna, ma soprattutto per l’affermazione nell’indicatore che misura l’impatto della ricerca ('Citation per faculty') e che vede le nostre due scuole universitarie superiori entro la 30ª posizione mondiale, la Normale in 18ª posizione e il Sant’Anna in 27ª - commentano il direttore della Scuola Normale Superiore, Vincenzo Barone, e il rettore della Scuola Superiore Sant’Anna, Pierdomenico Perata - si tratta di un risultato estremamente positivo perché conferma l’altissima qualità della nostra ricerca e la capacità dei nostri docenti e ricercatori di saper conquistare e mantenere la leadership in aree di ricerca avanzatissime".

“Il successo conferma anche il valore del sistema universitario e della ricerca italiano che, pur non essendo finanziato come in altri paesi europei, dimostra di saper essere largamente competitivo - proseguono Barone e Perata - i risultati del QS rappresentano un’ulteriore sfida: i nostri ‘fondamentali’, soprattutto la qualità della ricerca, sono solidissimi ma abbiamo potenzialità per consolidare risultati che appaiono già ottimi, tenuto conto anche del nostro dimensionamento e della particolare ‘missione’ che, come scuole universitarie superiori, ci viene assegnata, riconoscere il talento dei nostri allievi, valorizzare il merito, fare ricerca e trasferimento tecnologico ai più alti livelli. La federazione Normale, Sant’Anna, Iuss ci permetterà di aumentare la competitività grazie anche a progetti di ricerca comuni e di aumentare il nostro dimensionamento che, allo stato attuale, è ancora non adeguato per competere sullo scenario globale, nonostante le continue affermazioni, certificate dai principali ranking internazionali che danno risultati univoci, al di là delle differenti metodologie utilizzate”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Normale e Sant'Anna tra le migliori 200 università del mondo

PisaToday è in caricamento