Coronavirus: nel mercato di Campagna Amica una spremuta per difendere il Made in Italy

L’iniziativa è in calendario per domani, sabato 7 marzo dalle ore 9,00 nel mercato di Corte Ex Sanac

L’emergenza coronavirus con le difficoltà produttive, logistiche e commerciali e i pesanti danni di immagine sta mettendo a rischio l’intera filiera agroalimentare. Per "combattere la disinformazione, gli attacchi strumentali e la concorrenza sleale" prende il via la campagna #MangiaItaliano per salvare la reputazione del Made in Italy, difendere il territorio, l’economia e il lavoro e far conoscere il valore della più grande ricchezza del Paese, quella enogastronomica. L’appuntamento è per domani sabato 7 marzo dalle ore 9,00 negli agriturismi e nei mercati degli agricoltori di Campagna Amica. In provincia di Pisa i mercati saranno aperti:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • Pisa-Corte ex Sanac, via del Chiassatello 64/65 dalle ore 7:30-12:30
  • Pisa-Via Paparelli dalle ore 7:30-12:30
  • Ponsacco-Piazza Valli dalle ore 7:30-12:30

Nel mercato di Corte Ex Sanac verrà allestito un punto informativo extra sugli agrumi e sul loro ruolo nel rafforzare il nostro sistema immunitario; inoltre verranno offerte arance e spremute, come sempre nel rispetto delle indicazioni igienico-sanitarie. Domani sarà presentata la prima analisi Coldiretti/Ixè sugli effetti dell’emergenza Coronavirus sull’agroalimentare Made in Italy dai campi agli scaffali. "L’obiettivo - spiega Coldiretti in una nota - è far conoscere direttamente dai protagonisti i primati del Made in Italy con l’agricoltura italiana che è oggi la più green d’Europa, con 297 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario, 415 vini Doc/Docg, 5155 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la Penisola, la leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole bio, 40mila aziende agricole impegnate nel custodire semi o piante a rischio di estinzione e a garantire un patrimonio di biodiversità che non ha eguali al mondo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Ripartenza scuola e Coronavirus: mezza classe del liceo in quarantena a Pontedera

  • Cadavere di un anziano trovato in un fosso in zona La Fontina

  • Coronavirus in Toscana, 143 nuovi casi: 38 positivi in più a Pisa

  • Coronavirus: "Ho fatto il tampone, dopo 72 ore ancora non so il risultato"

  • Caso sospetto di Covid nel personale scolastico: chiuso asilo di Pontedera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento