Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Cisanello

Collegamento Stazione-Ospedale: "Sì tram e no busvia, non ripetiamo l'errore del People Mover"

L'associazione ambientalista 'La Città Ecologica' richiama l'amministrazione allo studio della nuova viabilità

Immagine di archivio

"Lo spettro di un errore simile a quello del People Mover ci sembra sia dietro l'angolo". Con queste parole l'associazione ambientalista 'La Città Ecologica' commenta l'ipotesi al vaglio dell'amministrazione circa la realizzazione di una busvia fra Stazione ed Ospedale Cisanello, al servizio poi anche del quartiere. Nella progettazione pare eclissarsi la possibilità di una tranvia, infrastruttura che invece per l'associazione avrebbe un maggiore impatto positivo.

"Continuare a promuovere l'uso esclusivo degli autobus sulle tratte a maggiore domanda - scrive in una nota -  contribuisce alla marginalizzazione del trasporto pubblico. Il trasporto pubblico a Pisa (e in Italia) è copre con la vendita dei biglietti il 25% delle spese. Il taglio dei finanziamenti pubblici ha costretto l'azienda di trasporto a ridurre il servizio e ad aumentare i prezzi, determinando conseguentemente un sensibile calo dei passeggeri e un conseguente calo dei ricavi, in una spirale di ineffcienza senza fine".

"Il tratto tra stazione e ospedale - insiste 'La Città Ecologica' - richiede invece un mezzo di trasporto in grado di intercettare l'alta domanda di mobilità esistente nella tratta. Ciò è possibile grazie alle moderne tecnologie su ferro, in particolare quella tranviaria, che presenta un maggiore riempimento medio delle vetture, dovuto alla maggiori capienza e qualità del viaggio e quindi una maggiore produttività del servizio e una riduzione dei costi specifici.

In sostanza "il modello di trasporto pubblico più efficiente per la città, dal punto di vista economico, ma anche da quello ambientale ed energetico, è il tram-treno nell'area vasta costiera Pisa – Livorno – Lucca, cioè un mezzo in grado di utilizzare sia i binari delle linee ferroviarie esistenti che quelli di nuove linee tranviarie nei centri urbani, eliminando le cosiddette 'rotture di carico', cioè i cambi di mezzo per arrivare a destinazione, fattore che tanto penalizza l'uso del People Mover. Ciò consentirebbe di moltiplicare i passeggeri e ottimizzare i conti economici".

Secondo i tecnici presenti ai convegni dell'associazione una linea tranviaria al posto della busvia sul tratto stazione-ospedale, con prolungamento sui binari ferroviari fno a Pontedera, consentirebbe di trasportare più di 20mila passeggeri al giorno, cioè più di 6,5 milioni di passeggeri all'anno: "Chiediamo pertanto all'attuale amministrazione - concludono gli ambientalisti - prima di intraprendere il progetto di busvia, almeno di predisporre un progetto di fattibilità tecnico-economica che metta a confronto sul piano tecnico-economico ed ambientale le varie soluzioni possibili, in modo da optare per quella più efficiente ed utile alla città".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Collegamento Stazione-Ospedale: "Sì tram e no busvia, non ripetiamo l'errore del People Mover"

PisaToday è in caricamento