Registro unioni civili, il comitato: "Solo propaganda, si pensi ai problemi veri"

Il 'Comitato Famiglia, scuola, educazione' di Pisa afferma che il progetto di rilancio del registro delle unioni civili in discussione in commissione consiliare non sia una priorità e invita l'amministrazione a pensare a illegalità e stato delle strade

In un comunicato il 'Comitato Famiglia, scuola, educazione' di Pisa, composto da genitori, docenti ed educatori, afferma la sua contrarietà al nuovo registro delle unioni civili in corso di analisi nella prossima riunione della competente Commissione del consiglio comunale prevista per l'11 novembre.

La critica: "Il progetto è di rilanciare un nuovo registro delle unioni civili, un elenco del tutto inutile oltre che non contemplato da alcuna legge nazionale che, in materia di stato civile, ha competenza esclusiva, dopo la fallimentare esperienza di quello istituito nel lontano 1997. Come è noto, infatti, in tutti questi anni, a tale registro si sono iscritte soltanto una cinquantina di coppie, di cui solo una minima percentuale omosessuali. Queste, dunque, sarebbero le emergenze nella nostra città?"

Per questo il Comitato intende denunciare "la finalità puramente propagandistica dell'iniziativa, invitando il Comune ad affrontare e risolvere i problemi veri che sono sotto gli occhi di tutti, per esempio: il pessimo stato delle strade, l'illegalità diffusa, il mancato controllo delle criminalità legata allo spaccio e alla prostituzione a cielo aperto, ecc".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Problemi - conclude la nota - che da molto tempo attendono delle risposte concrete da parte dell'Amministrazione comunale. Questa pare invece volersi a tutti i costi distinguere nell'allinearsi alla nuova ideologia del politicamente corretto disperdendo in questo modo risorse umane ed economiche che potrebbero essere impiegate per le vere priorità e di cui dovrà poi rendere conto alla cittadinanza e agli elettori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si finge al telefono con un'amica, ma in realtà è la Polizia: finiti anni di violenze

  • Coronavirus in Toscana: 17 nuovi casi, 2 a Pisa

  • Ragazza investita a Marina di Pisa: arrestato il pirata della strada

  • Apre l'enoteca 'alla Guccini' sfidando la crisi Covid

  • In arrivo piogge e temporali in Toscana: emessa allerta meteo

  • Coronavirus in Toscana: sei nuovi casi, due a Pisa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento