Cronaca Putignano

Sant'Ermete, il comitato accusa Susanna Ceccardi (Lega Nord): "Tentava di tagliare un nostro striscione"

In un video, pubblicato su Facebook, il comitato di quartiere accusa la consigliera leghista di averli anche aggrediti. La Ceccardi però si difende: "Quello striscione è abusivo. Non c'è stata alcuna aggressione ma solo uno scontro verbale"

"Due nostre attiviste, mentre tornavano a casa dopo la riunione settimanale del comitato, hanno colto in flagranza ed impedito alla leghista Susanna Ceccardi, mentre si faceva riprendere con un telefonino, di finire di strappare e di tagliare con le forbici lo striscione dei comitati che annuncia la mobilitazione di sabato, sotto il Comune, per il diritto alla casa". E' l'accusa che il comitato di quartiere di Sant'Ermete, attraverso un video pubblicato sulla propria pagina Facebook, rivolge alla consigliera comunale della Lega Nord del Comune di Cascina. L'episodio si è verificato intorno alla mezzanotte di ieri.

"Si tratta di uno striscione - spiegano gli attivisti - in cui chiediamo che venga assegnata una casa a tutte quelle persone che ne hanno diritto e che quindi che non ha niente a che vedere con la Lega, ma che riguarda invece tutte quelle persone che si trovano sotto sfratto. La Lega afferma di essere a fianco delle persone povere e contro la povertà, e dovrebbe quindi essere dalla nostra parte. Ma allora con che diritto è venuta qui per tentare di toglierlo?". Gli attivisti raccontano anche di essere stati aggrediti. "La Ceccardi mi ha aggredito e mi ha fatto male a una mano - afferma un'esponente del comitato di quartiere - perchè voleva per forza tagliare lo striscione. Alla fine, dopo che abbiamo chiamato le altre persone che avevano partecipato all'assemblea, è scappata in macchina insieme ad altri individui che si trovavano con lei".

Un episodio confermato dalla stessa consigliera leghista. "Ero insieme a degli amici in macchina - racconta Susanna Ceccardi - e, passando, abbiamo visto questo striscione che annunciava una protesta contro la manifestazione che abbiamo organizzato per sabato. Così, incuriositi, siamo scesi per vedere meglio di che cosa si trattava. Ho anche provato a toglierlo, visto che si tratta di uno striscione abusivo, ma poi mi sono subito fermata". La Ceccardi nega però di aver aggredito gli attivisti. "C'è stato uno scontro verbale - prosegue la Ceccardi - ma nessun tentativo di aggressione. E se dovessero continuare a muovermi questa accusa mi riservo di presentare una denuncia per diffamazione".

"Si comportano - conclude la consigliera leghista - come se la città appartenesse a loro. Se organizziamo una manifestazione, per portare avanti le nostre idee liberamente, allora siamo dei provocatori e ci vengono a contestare. Loro, però, possono permettersi di appendere ovunque degli striscioni abusivi senza pagare nemmeno un euro alla Sepi, come invece fanno tutti gli altri cittadini".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sant'Ermete, il comitato accusa Susanna Ceccardi (Lega Nord): "Tentava di tagliare un nostro striscione"

PisaToday è in caricamento