Cronaca

Sicurezza, filo diretto commercianti-polizia: "Saremo un occhio in più sul territorio"

Soddisfazione di Confesercenti per l'avvio del progetto, con i referenti degli imprenditori che aiuteranno gli operatori nel monitorare i quartieri: "Gli interventi spetteranno sempre agli agenti"

La spaccata al bar 'Il ristoro di Giada' della settimana scorsa

"Finalmente viene resa operativa la nostra idea dei referenti delle associazioni di categoria sul territorio come filo diretto con le forze dell'ordine. Idea che avevamo già raccolto in occasione della riunione in Prefettura dell'anno scorso con il precedente questore. Idea che però si arenò nella sua attuazione operativa e che il prefetto Pagliuca ha voluto riproporre nella riunione della settimana scorsa".

Giudizio positivo di Confesercenti Toscana Nord sul tavolo tecnico convocato dal questore Rossi stamani, che ha così sancito partenza del progetto. L'associazione ha ha comunicato alle autorità i nomi dei propri referenti nei vari quartieri: "Dopo una falsa partenza dei mesi scorsi - spiega il presidente dell'area pisana Luigi Micheletti – con questa riunione abbiamo finalmente fatto un passo avanti operativo. Le associazioni di categoria hanno infatti indicato propri referenti che avranno il compito di dialogare direttamente con i rappresentanti delle forze dell'ordine per segnalazioni e richieste di controlli".

"Come associazione - dice ancora il rappresentante di Confesercenti Toscana Nord - abbiamo sempre con forza sostenuto la necessità di una stretta collaborazione tra forze dell’ordine e imprenditori. E’ stato chiaramente specificato dal questore che i referenti non sono delatori o sentinelle, ma la loro presenza è fondamentale affinchè tutti i colleghi abbiamo qualcuno di loro a cui rivolgersi sul campo in maniera diretta. E spetterà a lui dialogare direttamente con le forze dell’ordine attraverso un canale privilegiato e immediato".

Conclude Luigi Micheletti: "Ricordiamo a tutti i nostri associati che per ogni emergenza o atto criminoso dobbiamo subito chiamare il 112. Spetta alle forze dell’ordine infatti l’intervento. I referenti saranno un occhio in più sul territorio contando sulla loro presenza giornaliera in grado di cogliere le anomalie che magari sfuggono ad un passaggio della volante".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza, filo diretto commercianti-polizia: "Saremo un occhio in più sul territorio"

PisaToday è in caricamento