Cronaca

Complesso Marchesi, scuola Fucini e parco via Battisti: intesa Provincia-Comune di Pisa

La Provincia ha varato il Bilancio di Previsione e stretto un accordo con Palazzo Gambacorti per favorire la riorganizzazione e la valorizzazione dei beni immobiliari dei due enti

Il Consiglio Provinciale ha approvato il Bilancio di Previsione per il corrente esercizio 2018-2020, stringendo anche con il Comune di Pisa un protocollo di intesa per risolvere alcune partite immobiliari fra i due enti. Sono stati infatte poste le basi per permutare beni per 3 milioni e 200mila euro ciascuno, in modo da consentire reciproci interventi di riorganizzazione e sviluppo. Quando si sarà insediato, il prossimo Consiglio Comunale di Pisa potrà deliberare quanto 'sbloccato' in questa occasione.

L'accordo interessa complesso Marchesi e scuole Fucini, parco di via Battisti e impianto sportivo 'La Fontina. "Abbiamo lavorato senza pause - ha spiegato il presidente della provincia e sindaco Marco Filippeschi - concludiamo un percorso complesso con un'intesa molto importante per la città e la provincia. Aiutiamo la realizzazione del nuovo parco urbano sotto le Mura di via Battisti, già finanziato con i fondi nazionali conquistato per il progetto 'Binario 14'. Finalmente si può dare una mano alla succursale dell'Istituto Fucini di via Sancasciani, per ampliare gli spazi ad uso della scuola media. Poi si mette in chiaro la situazione riguardo all'impianto sportivo de La Fontina, a confine fra i comuni di Pisa e San Giuliano Terme. Il trasferimento della proprietà dell'area sulla quale è edificato il complesso scolastico Concetto Marchesi è un atto necessario e una conferma della volontà d'intervenire con la ricostruzione di un complesso d'importanza fondamentale per Pisa e per il sistema scolastico della nostra provincia. Ringrazio le persone coinvolte delle strutture amministrative di Provincia e Comune per l'impegno e per la collaborazione che ci hanno dato".

immobili permuta comune provincia pisa-2

Gli obiettivi perseguiti sono migliorare i livelli scolastici e favorire interventi di riqualificazione. Ad esempio l’acquisizione dell’area, di proprietà comunale, dove la Provincia ha costruito il Complesso Marchesi, è utile per poter legittimamente presentare progetti di costruzione del nuovo liceo al manifestarsi di opportunità di finanziamento, a partire da quella promossa da Inail (Iniziative immobiliari di elevata utilità sociale) alla quale la Provincia di Pisa è stata ammessa in via preliminare nel 2016 e per la quale ha ottenuto recentemente un'ulteriore proroga di un anno, utile al fine di perfezionare il progetto e verificarne la sostenibilità economica, sperando in un riequilibrio strutturale delle province che ancora stenta a intravedersi.

Il fabbricato di via San Casciani, già nell’uso del Comune come sede della scuola Fucini, ma di proprietà della Provincia, passerà al Comune; il fabbricato secondario di via San Casciani, recentemente ristrutturato e destinato al momento agli studenti delle scuole superiori, considerate le aumentate esigenze di spazio per le scuole secondarie di II grado, passerà in proprietà al Comune, ma verrà messo nelle sue disponibilità soltanto dopo che, a seguito dello spostamento della scuola d’Infanzia 'Perodi' dai locali di via San Zeno 3, metterà a disposizione della provincia e del liceo 'Carducci' i relativi locali.

La Provincia si è resa disponibile a concedere in uso gratuito al Comune di Pisa l’immobile di proprietà sito in via Pascoli ed ex sede del Centro Nord Sud per massimo un anno dalla stipula del contratto di permuta, ciò al fine di consentire lo spostamento della Scuola d’Infanzia 'Perodi' dai locali di 'ia San Zeno 3, locali che verranno destinati all’utilizzo del Liceo 'Carducci', tenuto conto che in cambio di tale disponibilità la provincia, per il periodo necessario allo spostamento della scuola 'Perodi', continuerà ad utilizzare il fabbricato denominato 'Fabbricato secondario dell’Edificio scolastico ubicato in Pisa, via Sancasciani n. 12'.

E' prevista infine la cessione al Comune di aree e fabbricati di via Battisti, non strategici per la provincia, al fine di favorire la realizzazione del Parco tra via Battisti e le mura in prossimità della Sesta Porta. A chiudere c'è la cessione al Comune degli impianti sportivi di via di Pratale a La Fontina, non strategici per la provincia, ma di significativa importanza urbanistica come 'area cerniera' tra quartieri densamente abitati di Pisa e San Giuliano e per un territorio con una forte presenza di terziario pubblico (CNR, Università), oltre che di strutture che accolgono studenti (I Praticelli).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Complesso Marchesi, scuola Fucini e parco via Battisti: intesa Provincia-Comune di Pisa

PisaToday è in caricamento