La Comunità del Bosco cerca proprietari e/o gestori di terreni per un progetto sul Monte Pisano

L’obiettivo è la partecipazione al bando Mipaaf che prevede contributi fino a 200mila euro. Gli interessati possono contattare la Comunità del Bosco entro il 30 ottobre

Foto di Thomas Gronchi

La Comunità del Bosco Monte Pisano, cerca proprietari e/o gestori di terreni boscati e non per realizzare un progetto sul Monte Pisano. L’obiettivo è la partecipazione a un bando del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (Mipaaf). Il bando supporta studi e ricerche finalizzati a una gestione attiva del bosco e la progettazione partecipata per pianificare il futuro delle superfici silvo-pastorali.

A spiegare l'obiettivo del progetto è Maurizio Meucci, presidente della comunità del Bosco. "Il bando ministeriale ha l'obiettivo di facilitare la gestione condivisa delle aree boschive e silvo-pastorali. Come è a tutti noto gestire il monte sta diventando sempre più difficile e i rischi legati all’abbandono sono sempre più visibili. ll bando offre risorse utili per pianificare il futuro dei terreni del Monte e, allo stesso tempo, consolidare la rete della Comunità del Bosco e la sua possibilità di creare nuove opportunità di lavoro".

Tutti i proprietari e/o gestori di aree boschive e terreni del Monte Pisano, sia del versante pisano che lucchese, interessati a questa opportunità sono invitati a contattare la Comunità del Bosco entro il 30 ottobre: scrivendo a progetti@cdbmp.it; riempiendo il modulo sul sito o intervenendo di persona alla prossima riunione programmata per mercoledì 14 ottobre, alle 21:00 presso la sede di via dei Nocetti 3 a Calci (PI).

Chi aderisce al progetto lo fa come proprietario o gestore di superfici silvo-pastorali, mantenendo tutti i diritti sulle proprietà. "Nel caso il progetto venga finanziato - si legge sul sito della Comunità di Bosco del Monte Pisano -  farete parte di un percorso accompagnato da professionisti ed esperti per valutare potenzialità e vocazioni delle varie tipologie di terreni e avviare progetti, idee, nuovi meccanismi di gestione e, soprattutto, un gruppo per la ricerca di fondi e finanziamenti per realizzare i successivi interventi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’obiettivo "è rendere più sostenibile il futuro degli abitanti del Monte Pisano, dei boschi e delle aree agricole, creando assieme piani di gestione integrati (non necessariamente piani di taglio), fornire supporto per avviare nuove attività che integrino produzioni agricole e gestione forestale, realizzare percorsi o idee innovative. In sostanza: progettare il monte che vorremmo. E’ una grande occasione per il nostro territorio. Uniti ce la possiamo fare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana, crescono i contagi: 755 nuovi positivi

  • Si diplomano e vengono assunti nell'azienda dei loro sogni

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Coronavirus in Toscana: 812 nuovi positivi, 108 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: 906 nuovi casi, 133 a Pisa

  • Coronavirus nel pisano: 39 casi a Pisa, 26 a Cascina

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento