Cronaca

Rubarono 200 metri di gronde di rame: condannati in due, uno è latitante

L'altro è invece già ristretto in un carcere italiano. Il furto si verificò nel luglio 2012 in una frazione di Pontedera

Sono stati condannati alla pena di tre anni di reclusione e a 500 euro di multa, lo scorso 20 maggio al processo penale presso il Tribunale di Pisa, i due cittadini albanesi sospettati di aver commesso un furto nel comune di Pontedera.

I fatti risalgono al luglio del 2012 quando la Squadra di Polizia Giudiziaria del Commissariato di Pontedera, su richiesta di un imprenditore edile della Valdera, effettuò presso una zona residenziale in località i Fabbri di Treggiaia, un sopralluogo per il furto di un’ingente quantitativo di gronde di rame di circa 200 metri lineari per un valore stimato di oltre 10mila euro.

Fin dai primi accertamenti le indagini della Polizia si indirizzarono, grazie anche alle dichiarazioni rese da un testimone, su un gruppo di albanesi residenti tra Santa Croce sull’Arno e Fucecchio (FI).

Per quanto accertato furono richiesti e ottenuti dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pisa i tabulati di traffico telefonico relativi alle utenze dei cellulari dei sospettati. Dall’analisi dei dati nonché dai riscontri oggettivi ottenuti durante il controllo del territorio, gli investigatori indagarono due degli autori materiali del furto in concorso tra loro.

Lo scorso 20 maggio l'epilogo con la condanna del Tribunale di Pisa. A tal proposito da sottolineare che uno dei due malviventi, E.J., 26 anni, irregolare sul territorio nazionale, si trova già ristretto presso un carcere italiano, mentre il complice S.S., di 25 anni, è latitante ed è attivamente ricercato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubarono 200 metri di gronde di rame: condannati in due, uno è latitante

PisaToday è in caricamento