rotate-mobile
Cronaca

Il top mondiale a Pisa per il Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia

Attesi 2mila medici da ogni parte del Pianeta. Nel 2015 in città anche il congresso mondiale del trapianto di pancreas

Dal 17 al 20 settembre 2023 si svolgerà a Pisa il 125° Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia (Sic) che si era svolto a Pisa solo in una precedente occasione, nel 1905, quando era stato presieduto dal Prof. Antonio Ceci. Fra i partecipanti era presente anche Alessandro Codivilla, noto al mondo per avere eseguito per primo il c.d. 'intervento di Whipple', considerato ancora oggi uno dei più grandi interventi chirurgici eseguibili nell’uomo.

Il Congresso si svolgerà presso il Polo didattico delle Piagge, dell’Università di Pisa. Il connubio è ricordato anche nel motto del congresso 'Sic - in supremae dignitatis', vista anche la corrispondenza con i 680 dalla bolla di Papa Clemente VI che riconobbe l'ateneo pisano. L’evento è stato presentato stamani, mercoledì 13 settembre, in conferenza stampa a Palazzo Gambacorti, alla presenza del presidente del Congresso Sic Ugo Boggi, del sindaco di Pisa Michele Conti, del rettore dell’Università di Pisa Riccardo Zucchi, del direttore generale Aoup Silvia Briani, del vicepresidente della Fondazione Pisa Michele Mariani e del presidente dell’Associazione 'Per donare la Vita Onlus' Giuseppe Bozzi.

Al Congresso è prevista la partecipazione di 2mila chirurghi da tutta Italia e da 22 nazioni in rappresentanza di 5 continenti. Un evento epocale che in realtà va nel solco dell'eccellenza della chirurgia pisana, che nella sua era più moderna deriva dalla scuola del prof. Paride Stefanini, autore del primo trapianto d’organi in Italia e chirurgo di Papa Giovanni XXIV. La Scuola Pisana che poi è stata sviluppata grazie al Prof. Mario Selli, arrivando fino ai nostri giorni: si pensi ai primi interventi chirurgici mai eseguiti di tiroidectomia mini-invasiva (Prof. Paolo Miccoli), di trapianto robotico di pancreas e di rene (Prof. Ugo Boggi), di prelievo di parte di fegato a scopo di trapianto da donatore vivente sia per il bambino che per l’adulto (Prof. Ugo Boggi; interventi eseguiti però a Palermo).

Il congresso affronterà tutti i temi di maggior rilevanza contemporanea in chirurgia con particolare enfasi alle nuove tecnologie ed alle sfide del futuro. Sono previsti 1000 relatori invitati ed altre mille comunicazioni congressuali. Il congresso sarà reso unico anche da alcuni specifici eventi. Fra gli ospiti ci sarà John Cameron, considerato il chirurgo più autorevole al mondo, che sarà nominato socio onorario della Sic. E' stato per 19 anni direttore unico di tutta la chirurgia del Johns Hopkins Hospital di Baltimora, l’Ospedale più qualificato al mondo con i suoi 19 Premi Nobel per la Medicina. Stesso onore sarà tributato a Pierre Alain Clavien, altro luminare che storicamente ha fornito a tutti i chirurghi del mondo il modo di classificare la rilevanza delle complicanze post-operatorie, contribuendo in questo modo a salvare milioni di vite; l'ultimo traguardo è quello di aver sviluppato un dispositivo che consente di preservare per più giorni i fegati destinati a trapianto.

Fra i vari interventi e ringraziamenti, il sindaco di Pisa Michele Conti ha affermato: "Vogliamo coltivare e fare crescere il turismo congressuale per valorizzare la città dal punto di vista dell’accoglienza e renderla ancora più internazionale e connessa con il mondo. Ecco perché è necessario e urgente che si doti al più presto di strutture adatte a questo tipo di eventi. Un impegno che ci siamo presi e che insieme a tutte le istituzioni cittadine potremo portare in fondo, intanto riuscendo a far riaprire il prima possibile il centro congressi e poi creando una nuova struttura più funzionale e moderna che può trovare la sua collocazione naturale all’interno dell’area Santa Chiara. Rinnovo i miei complimenti agli organizzatori, dando a tutti i partecipanti il caloroso benvenuto della nostra città".

Ugo Boggi, presidente del Congresso Sic, ha detto che "il potenziale di Pisa in questo settore è molto grande ma assolutamente inesplorato". Ha anche annunciato che è "notizia di oggi che nel giugno 2025 ospiteremo anche il congresso mondiale del trapianto di pancreas. Pisa è stata preferita nella selezione finale a Buenos Aires e Montreal. Questo è certamente frutto dell’autorevolezza del gruppo che guido nei trapianti d’organo, e di pancreas in particolare, del successo della 'consensus conference' mondiale realizzata nel 2019, ancora una volta con il supporto della Fondazione Pisa, ma anche dello fascino che la Città di Pisa è in grado di esercitare per i suoi monumenti e per la sua storia". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il top mondiale a Pisa per il Congresso Nazionale della Società Italiana di Chirurgia

PisaToday è in caricamento