Stella Maris a Villa Giotto, consegnato il cantiere: tutto pronto a maggio 2020

La nuova struttura ospiterà i ragazzi della struttura di Montalto di Fauglia. Le precisazioni del presidente e del direttore generale della Stella Maris

Il permesso a costruire è finalmente arrivato il 9 agosto, mentre il 28 agosto è stato consegnato il cantiere alla ditta vincitrice dell’appalto, la CEMES Spa, con la conclusione dei lavori concordata per il 31 maggio 2020. Passi in avanti per il trasferimento delle strutture di Fauglia della Stella Maris a Villa Giotto a Marina di Pisa.

"Tale rapidità di consegna è stata possibile perché la gara di appalto è stata espletata tra maggio e luglio e l’assegnazione fatta nel consiglio di amministrazione del 2 agosto scorso, mentre l’intero importo era stato già stanziato sul bilancio preventivo  2019, approvato nel novembre 2018. Nessuna accelerazione sul cronoprogramma è dunque avvenuta su stimolo dell’USL come letto in questi giorni - affermano Giuliano Maffei, presidente Fondazione Stella Maris, e il direttore generale Roberto Cutajar - Villa Giotto ospiterà le attuali strutture di Montalto di Fauglia della Fondazione Stella Maris, ovvero la Residenza sanitaria assistenziale per disabili (RSD) e l’Istituto di riabilitazione (IRM)".

Si tratta complessivamente di 54 posti letto a ciclo continuativo ed 8 posti letto a ciclo diurno. Villa Giotto avrà elevati standard di accoglienza e disporrà di più ampi e migliorati spazi per la riabilitazione e l’assistenza alle persone con disabilità. Oltre alle due strutture (RSD e IRM) il complesso ospiterà anche nuovi servizi dedicati (tra cui un Centro di ricerca), con l’attuazione di terapie innovative per l’autismo, elaborate e messe a punto dai ricercatori dell’IRCCS Stella Maris. Villa Giotto rientra nel piano di sviluppo ventennale che la Fondazione Stella Maris ha varato nel 2004 per riqualificare, ristrutturare e anche costruire ex novo le strutture ospedaliere ed extra-ospedaliere che ospitano i pazienti con disabilità neurologiche e psichiatriche. 

villa giotto Marina di Pisa Stella Maris-2

"La storia di Villa Giotto - ripercorrono i due dirigenti della Stella Maris - inizia attorno al 2010, quando tramonta definitivamente l’idea di costruire una nuova struttura a Montalto di Fauglia (progetto presentato al Comune di Fauglia nel 2006), per difficoltà a trovare un accordo sulla convenzione necessaria. Proprio in quel momento perviene la proposta di acquisto di Villa Giotto da parte dell’Arcidiocesi di Firenze. Il preliminare di acquisto viene stipulato nel 2013, mentre l’atto conclusivo di acquisto verrà stipulato solo nel settembre del 2017, quando saranno sanate alcune irregolarità urbanistiche. Il costo di acquisto è fissato a 1.500.000,00 euro. La ristrutturazione prevede, oltre all’intervento sull’edificio storico necessario per adeguamento alle norme sanitarie e anti-sismiche, anche la costruzione di un nuovo edifico nell’area attigua per adeguare la ricettività complessiva dell’Istituto ai numeri attuali. Il costo complessivo della ristrutturazione ed ampliamento è di oltre 4.500.000 euro. L’investimento complessivo della Fondazione Stella Maris sarà alla fine di oltre 6.500.000 euro. Negli ultimi due anni la Fondazione ha lavorato in modo febbrile per ottenere i vari e numerosi pareri ed autorizzazioni da parte degli enti preposti ed il permesso a costruire è arrivato finalmente in data 9 agosto 2019. Il tempo complessivo dei lavori sarà di circa 9 mesi per un totale di circa 3.600 mq". 

"Questo percorso è stato effettuato sempre con il massimo impegno, dovendo rispondere a quanto si è letto in questi giorni: ossia che il pericolo di chiusura del Centro abbia in qualche modo accelerato l’iter del permesso, la cui tempistica è stata dettata esclusivamente dai tempi necessari della pubblica amministrazione, peraltro, nel nostro caso, sempre molto efficienti" precisano Maffei e Cutajar. 

"Desideriamo ringraziare, anche a nome del personale e della responsabile di struttura, dott.ssa Graziella Bertini, tutte le autorità competenti che ci stanno aiutando a raggiungere questo importante traguardo, nell’esclusivo interesse dei nostri assistiti" concludono.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola, nuovo incontro per la ripartenza: si va verso il prolungamento della didattica a distanza

  • Bimbo di 5 anni salvato dalle sofferenze di un tumore, i genitori: "Grazie"

  • Coronavirus in Toscana, 5 nuovi casi: un decesso a Pisa

  • Consegna a domicilio di cocaina: in manette due fratelli pusher

  • Sangue nella movida pisana: ragazzo colpito al volto da una bottigliata

  • Coronavirus, sette nuovi casi: nessun positivo in più a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento