Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

Bancarotta fraudolenta: il consigliere Rocchi finisce in carcere

Il Gip ha deciso l'aggravamento della misura cautalare con il trasferimento del consigliere comunale al carcere di Livorno. La misura è stata applicata per evitare la reiterazione dei reati, il pericolo di fuga e l'inquinamento probatorio

Alberto Rocchi finisce in carcere. Dopo gli arresti domiciliari disposti nei suoi confronti l'8 giugno scorso per bancarotta fraudolenta, il Consigliere comunale a Cascina è stato trasferito ieri nel carcere 'Le Sughere' di Livorno.

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Livorno hanno infatti dato esecuzione ad una nuova ordinanza - emessa dal Gip del Tribunale di Livorno, Dott.ssa Beatrice Dani in data 9 giugno - con cui è stata disposta la misura della custodia cautelare in carcere nei confronti di Rocchi in relazione ai medesimi reati di bancarotta fraudolenta accertati a seguito del fallimento della società Immobiliare Vicarello di Livorno.

La misura di aggravamento è stata applicata per evitare la reiterazione dei reati, il pericolo di fuga e l’inquinamento probatorio, alla luce anche degli elementi emersi nel corso delle perquisizioni domiciliari effettuate durante l’esecuzione del primo provvedimento cautelare

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bancarotta fraudolenta: il consigliere Rocchi finisce in carcere

PisaToday è in caricamento