rotate-mobile
Cronaca Peccioli

Peccioli: sospesa la variante per l'esproprio dei locali in centro per il Museo 'Macca'

Al Consiglio di Stato il confronto legale fra la proprietà dei locali e il Comune. Il sindaco Macelloni: "Riattiveremo la procedura di esproprio, impensabile un uso privato di quello spazio".

Il Consiglio di Stato ha depositato ieri, mercoledì 30 agosto, l’ordinanza che ha accolto l’istanza cautelare della società proprietaria dei quattro locali che si affacciano sul portico della centrale Piazza del Popolo a Peccioli: questi sono i locali che l’amministrazione comunale, con una delibera di variante urbanistica del Consiglio comunale del 26 agosto 2022, aveva individuato come sede centrale del Macca, Museo di Arte Contemporanea a Cielo Aperto di Peccioli, dando avvio al procedimento di esproprio.

L’ordinanza sospende, per ora, l’efficacia della delibera di Consiglio comunale, in attesa del dibattimento, e rimanda l’esame nel merito della procedura di esproprio all’udienza per la discussione, udienza che deve essere ancora fissata dal Presidente della Sezione del Consiglio di Stato. "L’amministrazione comunale - afferma il sindaco Renzo Macelloni - in materia di espropri, ha usato la stessa procedura che l’ha vista in diverse occasioni vincente al Tar della Toscana e al Consiglio di Stato. Difatti, il Tar aveva già respinto il ricorso della società proprietaria con sentenza dello scorso aprile, poi appellata. In questo caso una sezione del Consiglio di Stato ha ritenuto di sospendere, relativamente agli immobili della società appellante, l’efficacia della variante in attesa dell’udienza, per altro non ancora fissata. Quindi dovremmo aspettare la sentenza definitiva e capire quale sarà la decisione finale".

"Per non perdere ulteriore tempo - aggiunge il primo cittadino - visti i prevedibili tempi del Consiglio di Stato, riteniamo di dover ripartire immediatamente con una nuova procedura, tenendo conto precauzionalmente dell’atto di sospensiva pubblicato oggi. Abbiamo già dato mandato al responsabile dell’ufficio urbanistica di riattivare le procedure per arrivare il prima possibile al nuovo Consiglio comunale in cui si adotteranno tutti gli atti necessari per completare il procedimento di esproprio. Il progetto dell’amministrazione comunale del Macca è fondamentale, proprio con riferimento al porticato del paese che è il cuore del nostro territorio. Ci dispiace per questo piccolo inconveniente che ritarderà un po’ i tempi di realizzazione finale del progetto, ma continueremo a lavorare nell’ottica di un progetto pubblico fondamentale per lo sviluppo del nostro territorio".

Macelloni quindi insiste sulla destinazione dell'immobile: "Riteniamo giusto confermare il ruolo decisamente pubblico sullo spazio del porticato e punto di riferimento e salotto di un’intera comunità e di tanti turisti. Alla luce dell’attuale sviluppo turistico, che il nostro comune sta registrando, sarebbe impensabile un uso privato di quello spazio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Peccioli: sospesa la variante per l'esproprio dei locali in centro per il Museo 'Macca'

PisaToday è in caricamento