Cascina: contributi alle imprese per i costi di sanificazione

Il Comune stanzia 30mila euro per il beneficio che sarà al massimo da 300 euro per ciascuna piccola azienda

L’amministrazione comunale di Cascina, in considerazione dell’obbligatorietà della sanificazione dei locali da parte di tutti gli esercenti al fine di riaprire le proprie attività commerciali, ha deciso di destinare un fondo di 30mila euro a favore degli esercenti e piccoli imprenditori del territorio.

La giunta ha deliberato già da tempo le modalità definendo la tipologia di contributo e il massimale erogabile. "A breve uscirà l’avviso pubblico che stabilirà le modalità di presentazione della domanda a cui potranno partecipare tutti i commercianti, artigiani, titolari di piccole imprese ed associazioni che hanno sostenuto dei costi inerenti il servizio di sanificazione straordinaria dei propri locali di lavoro (es. pub, bar, gastronomie, ristoranti, pizzerie, gelaterie, pasticcerie, cura della persona, palestre, ecc..). Il contributo massimo erogabile sarà di 300 euro per ogni attività. Questo vuol dire che riusciremo ad aiutare minimo 100 attività del territorio" afferma l’assessore al commercio Patrizia Favale, che prosegue: "E' un gesto che abbiamo voluto realizzare per venire incontro alle esigenze delle attività rimaste ferme per molto tempo e che necessitano di una mano per ripartire. Rimborsiamo delle spese che i piccoli imprenditori si sono dovuti ulteriormente sobbarcare per poter riaprire le proprie attività. E dopo mesi di inattività, senza incassi, hanno dovuto pagare servizi di sanificazione o acquistare prodotti e strumenti per fare ciò. Il nostro vuole essere un altro piccolo aiuto concreto a tutti i nostri concittadini che stanno attraversando un momento difficile"

"Tale azione intrapresa fa parte di un più ampio progetto di interventi discussi con i capogruppi del consiglio comunale - dichiara il sindaco f.f. con delega al bilancio Dario Rollo - ulteriori manovre sono pronte con l’obiettivo di aiutare concretamente famiglie, attività economiche e associazioni. Abbiamo preparato una variazione di bilancio con la quale finanzieremo molti interventi concreti in aiuto a famiglie e imprese. Speriamo che questo ulteriore contributo, che si aggiunge all’esenzione del pagamento Cosap, ampliamento gratuito degli spazi e snellimento dell’iter concessorio, nonché il posticipo del pagamento di molti tributi locali, possa alleggerire le spese sostenute dai commercianti in questo periodo. Con la manovra complessiva a seguito dell’approvazione del bilancio consuntivo 2019, saremo in grado di intervenire in maniera importante sia in termini di fiscalità, che di contributi a fondo perduto e lavori pubblici. Il nostro impegno è massimo e l’obiettivo è quello di poter incidere concretamente sull’economia del territorio e sul benessere dei cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto dal 16 gennaio: prosegue lo stop agli spostamenti tra regioni

  • Coronavirus in Toscana: 379 nuovi casi positivi

  • Bonus mobili 2021, come ottenere le detrazioni: i requisiti

  • Coronavirus, le palestre GimFive in protesta: anche a Pontedera struttura aperta il 15 gennaio

  • Pisa S.C., vicina la svolta: il magnate russo Knaster vuole acquistare il club

  • Emergenza, ipotesi divieto di asporto dopo le 18 per i bar: "E' tempo di disobbedire"

Torna su
PisaToday è in caricamento