Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Cascina, guerra all'amianto: contributi dal Comune per lo smaltimento

L'amministrazione comunale ha erogato 29 contributi per la micro-raccolta dei rifiuti contenenti amianto, per un totale di 20mila euro. Sono gli stessi cittadini, seguendo le disposizioni dell'Azienda Sanitaria, a dover provvedere alla rimozione

Prosegue la guerra all’amianto a Cascina, in particolare a quello che, anche se in poche quantità, è rimasto sul territorio, magari in vecchi annessi agricoli o garage di proprietà privata. Il Comune ha infatti approvato l’erogazione di 29 contributi per la micro-raccolta dei rifiuti contenenti amianto, per un totale di 20mila euro. I contributi vanno a finanziare fino al 70% delle spese sostenute dai singoli cittadini per la rimozione, che deve essere fatta secondo l’apposita procedura operativa predisposta dall’Azienda Usl 5 di Pisa.

"Risolvere il problema della presenza dell'amianto sul territorio è da tempo uno degli obiettivi primari della politica ambientale del Comune - dice Alessio Antonelli, sindaco di Cascina - e il bando si propone di facilitare lo smaltimento di questo materiale venendo incontro alle esigenze di coloro che devono sostenere interamente il costo dell'operazione. La risposta al bando è stata molto positiva: abbiamo ricevuto 45 richieste, 8 delle quali non ammesse perché senza i requisiti necessari, e siamo riusciti a finanziarne 29". 

La micro-raccolta di rifiuti contenenti amianto non è altro che la procedura operativa, non vietata dalla legge, effettuata in proprio dal singolo cittadino, qualora sia proprietario dei manufatti. Trattandosi di lavorazioni potenzialmente pericolose per la salute, l’obiettivo del Comune non è incentivare tale attività ma, con opportuni accorgimenti e dotazioni, compartecipare ai costi di smontaggio e confezionamento del materiale contenente amianto, purchè siano operazioni che possano essere eseguite in sicurezza, secondo le procedure stabilite per legge, anche dal proprietario dei manufatti. Per lo smaltimento è raccomandato rivolgersi ad una ditta autorizzata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cascina, guerra all'amianto: contributi dal Comune per lo smaltimento

PisaToday è in caricamento