Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Dal Comune un contributo per acquistare prodotti per l’igiene femminile

Stanziati dall'amministrazione comunale 15mila euro: per le donne un buono da 150 euro da spendere presso le Farmacie Comunali. I requisiti per ottenere l'agevolazione

L'assessore Gianna Gambaccini

Un contributo una tantum di 150 euro spendibile presso le Farmacie Comunali per acquistare prodotti per l’igiene femminile. E’ quanto previsto da una delibera approvata dalla Giunta che ha deciso di stanziare, per il 2021, 15mila euro di risorse comunali sostenere le famiglie, le ragazze e le donne residenti e in età fertile e con un reddito familiare non superiore ai 15.000 euro.
"Ogni mese per 4/5 giorni in media - dichiara l’assessore Gianna Gambaccini - una donna ha la necessità di acquistare prodotti per l’igiene femminile sui quali è prevista una tassazione Iva del 22%: si tratta di un’imposta nazionale non eliminabile e profondamente ingiusta perché è la stessa applicata ai prodotti di lusso. Il provvedimento nasce quindi dall’esigenza di sostenere famiglie, donne e ragazze in questo periodo di forte difficoltà. Ricordo infatti che sono proprio le donne ad essere tra le più colpite dalle conseguenze della grave crisi pandemica da Covid19".

Per essere inseriti nella graduatoria per l’ottenimento della ‘farmacard’ sarà necessario possedere una serie di requisiti. Tra questi: avere la cittadinanza italiana oppure la cittadinanza di uno Stato appartenente all’Unione Europea, oppure la cittadinanza di uno Stato non appartenente all’Unione Europea, purché in possesso di Permesso di soggiorno CE di lungo periodo in corso di validità; essere residenti nel Comune di Pisa da almeno 24 mesi; essere in età fertile; avere un Isee ordinario in corso di validità senza omissioni/difformità di importo pari o inferiore a 15.000 euro. Per le famiglie con almeno 3 figli a carico il tetto è innalzato a 20.000 euro.


 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Comune un contributo per acquistare prodotti per l’igiene femminile

PisaToday è in caricamento