Cronaca

Focolai da Covid in Toscana, Rossi: "Più controlli per chi arriva da aree no Schengen"

Dopo i focolai originati da persone provenienti dall'estero, con un cluster familiare rilevato anche a Pisa, il presidente della Regione chiede un intervento dal Governo centrale

“A tutela della salute pubblica, chiedo al Governo un provvedimento nazionale di quarantena obbligatoria per chi arriva nel nostro Paese,
direttamente o indirettamente, da aree non Schengen”. A parlare il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi dopo i recenti focolai apparsi in Toscana e riconducibili a persone arrivate in Italia con voli internazionali da Paesi extra Schengen, come il Bangladesh o l'Albania. Proprio da quest'ultimo paese arrivava l'uomo di 79 anni, positivo al Coronavirus e ricoverato all'ospedale di Pisa. Contagiati dal virus anche 4 suoi familiari. L'uomo era atterrato al 'Galilei' da Tirana e si era fermato a Pisa a trovare la figlia.

“I provvedimenti nazionali che abbiamo attualmente - aggiunge Rossi - devono essere applicati con maggiore rigore, servono più controlli per chi
arriva nei porti e negli aeroporti, anche con rimbalzo da altri Paesi europei”. “Ci siamo già mossi con la società Toscana Aeroporti - aggiunge Rossi - perché sia a Pisa sia a Firenze vengano fatti tutti i controlli necessari. Si stima che da qui alle prossime settimane negli scali della regione arriveranno 400-500 persone al giorno da aree extra Schengen. Controllare questi arrivi non è così complicato - sottolinea il governatore - posso arrivare a questo, ma non posso arrivare a dire cosa si deve fare su Milano, Roma, Bologna. Ecco perché chiedo un provvedimento di carattere nazionale”. “Anche se non siamo più in piena emergenza Covid - conclude Rossi - non possiamo abbassare la guardia. Sono stati fatti tanti sacrifici per uscire dal periodo peggiore dell'epidemia e dobbiamo continuare a essere prudenti e responsabili”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Focolai da Covid in Toscana, Rossi: "Più controlli per chi arriva da aree no Schengen"

PisaToday è in caricamento