Coronavirus: 500 controlli e 21 denunce a Cascina per violazione delle disposizioni del Governo

I numeri, riferiti agli ultimi 8 giorni, sono stati resi noti dall'amministrazione comunale: "Evitare ogni spostamento se non strettamente necessario"

Dall'11 marzo ad oggi sono oltre 500 i controlli effettuati dai Carabinieri e dalla Polizia Municipale di Cascina all'interno del territorio comunale per verificare il rispetto delle misure adottate dal Governo per far fronte all'emergenza coronavirus. Sono 21 i cittadini denunciati e oltre 100 le autocertificazioni rilasciate dalle persone fermate dalle forze dell’ordine. Dichiarazioni che "sono attualmente in fase di verifica e pertanto il numero dei soggetti denunciati potrebbe aumentare in questi giorni". E' quanto rende noto il comune di Cascina.

"In questo periodo la Polizia Municipale - afferma il sindaco Dario Rollo - ha rafforzato i controlli su tutte le strade d’interesse comunale ma anche sulle altre arterie che attraversano il vastissimo territorio. Il comando dei Vigili Urbani sta operando in piena sinergia con i militari delle locali stazioni dei Carabinieri di Cascina e Navacchio e con le altre forze dell’ordine. Nella sola giornata di ieri, 18 marzo, primo giorno di entrata in vigore dell’ordinanza di divieto accesso alle aree verdi, parchi gioco e lungo la pista ciclo-pedonale dell’Arno nonchè la chiusura dei cimiteri, sono stati effettuati 49 controlli e denunciate 4 persone. Inoltre, è stato predisposto un mezzo che trasita per la città diffondendo un messaggio audio di invito a restare a casa. I controlli sono inoltre stati estesi anche alle attività commerciali per le quali si ricorda che, oltre alle sanzioni, si potrebbe arrivare anche al provvedimento di sequestro e chiusura immediata dell’esercizio".

Il Comune di Cascina, in collaborazione con le Associazioni di volontariato del territorio convenzionate, ha intanto iniziato la distribuzione a domicilio di cibo e medicinali nei confronti di chi si trova in situazioni di difficoltà e/o quarantena. I numeri da chiamare sono 800017728 in funzione h24, oppure in caso di necessità il 348-7301523 orario 08.00-18.00. Si ricorda inoltre che per poter circolare, anche a piedi, in questi giorni è necessario aver compilato e avere con sé il modulo di autocertificazione.

"L’invito - conclude Rollo - è rimanere a casa evitando qualunque spostamento se non quelli di comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di salute, rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza, per evitare sanzioni, di natura penale ed amministrativa, ma soprattutto per evitare rischi per l'intera collettività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento