Controlli per il Coronavirus: "Sia impiegato anche l'Esercito"

Il sindaco reggente di Cascina Rollo scrive al Prefetto. La richiesta viene mossa anche da Fratelli d'Italia al sindaco di Pisa Conti

Il sindaco reggente di Cascina Dario Rollo ha scritto al Prefetto di Pisa, Giuseppe Castaldo, per chiedere l’ausilio dell’Esercito Italiano nel territorio della città con "finalità dissuasive e di controllo delle violazioni dell’obbligo di restare in casa, al fine di garantire il rispetto delle regole e dei divieti previsti dai recenti dpcm ed ordinanze del Presidente della Regione Toscana".

"Purtroppo anche nelle ultime ore abbiamo avuto modo di verificare assembramenti e persone a passeggio senza comprovato motivo - spiega Rollo -nonostante le ordinanze emesse e i controlli costanti e puntuali della nostra Polizia Municipale di concerto con le altre Forze dell’Ordine. La presenza di militari dell’Esercito rappresenterebbe anche un concreto deterrente psicologico per quanti continuano a non comprendere la serietà del problema ed escono di casa senza alcuna valida motivazione. Nel nostro territorio saremmo tra l’altro avvantaggiati dalla presenza di caserme di Reparti militari operativi nella vicina città di Pisa, che potrebbero pertanto effettuare check-point fissi e mobili sulle principali vie di comunicazione e pattugliamento dinamico nelle aree rurali e urbane della città. E’ necessario intervenire immediatamente con la massima durezza per non vanificare gli enormi sacrifici che la stragrande maggioranza della popolazione sta compiendo con disciplina, correttezza e senso civico".

La richiesta è stata avanzata anche da Fratelli d'Italia con la Coordinatrice di Pisa, Rachele Compare: "Purtroppo tutti gli appelli che da molti giorni vengono ripetuti, in primo luogo dal nostro sindaco, Michele Conti, pare non siano stati recepiti con la dovuta serietà, tant’è che l’irresponsabilità dei soliti pochi può mettere gravemente a rischio anche i tanti cittadini che, al contrario, rispettano con diligenza le regole. Ci sono atteggiamenti, oltremodo intollerabili, che violano sistematicamente le norme in ogni quartiere, specialmente la sera. Da più parti ci arrivano segnalazioni di violazioni delle vigenti norme in materia di controllo della diffusione del Coronavirus, per questo Fratelli d’Italia Pisa chiede al sindaco, che ha sin qui gestito in maniera impeccabile e puntuale la crisi, di rafforzare i controlli avvalendosi dell’ausilio dell’esercito come già sta avvenendo in altre parti d’Italia, sperando comunque che sia il senso civico a determinare il rispetto delle restrizioni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento