San Rossore, controlli sulle spiagge del Parco: "Pesca abusiva e fuochi in habitat delicatissimi"

Proseguono anche in questi giorni le attività di controllo e repressione sulle spiagge incluse nel perimetro del Parco di San Rossore. Le pattuglie nel corso dei sopralluoghi hanno già riscontrato diverse violazioni

Una classica spiaggiata estiva

Proseguono anche in questi giorni le attività di controllo e repressione sulle spiagge incluse nel perimetro del Parco di San Rossore. Le pattuglie, nel corso dei vari sopralluoghi finora effettuati, hanno già riscontrato numerose infrazioni al regolamento del Parco, relative soprattutto alla pesca abusiva e all’accensione di fuochi nei pressi di fragilissimi habitat quali sono le dune presenti su quasi tutta la costa pisana e versiliese.

Come già avvenuto l’anno scorso, i guardiaparco si sono spesso trovati di fronte a situazioni di grave violazione non solo delle norme di base che vigono all'interno dell'area protetta, ma anche di qualsiasi regola di buon senso: durante i controlli, che si sono concentrati sulle spiagge di Marina di Vecchiano, Marina di Torre del Lago e Marina di Levante a Viareggio, sono state contestate alcune infrazioni di rilievo penale e sanzioni amministrative, di oltre mille euro in caso di accensione di fuochi, o con sequestro della strumentazione utilizzata per la pesca di frodo.

Nel mirino delle Guardie del Parco è anche il litorale pisano, in particolare le zone di Tirrenia e Calambrone: per questa località è stata prevista un’apposita collaborazione con la Questura e tutte le Forze dell’ordine, anche per prevenire le pericolose 'spiaggiate' di Ferragosto, per le quali non potranno più essere tollerati i comportamenti scellerati che si sono verificati negli anni passati e, come denunciato dai responsabili dell’Oasi Wwf Dune di Tirrenia, anche di recente, con l’estirpazione della vegetazione dunale per accendere i fuochi.

Le attività di controllo e repressione che sono state svolte nelle scorse settimane e che proseguiranno fino alla fine dell’estate sono indispensabili per proteggere le dune del Parco, un ambiente di estrema delicatezza sul quale si ripercuotono direttamente le attività illecite svolte sull’arenile. Tali interventi richiedono un sforzo aggiuntivo rispetto alle numerose incombenze (come il servizio antincendio, il controllo della fauna selvatica, la lotta al bracconaggio e all'abusivismo edilizio) del corpo di vigilanza dell’Ente Parco - che dispone di una dotazione di personale certamente al di sotto delle proprie necessità - ma vengono comunque portate avanti con rigore per presidiare il territorio e far sì che esso possa essere adeguatamente salvaguardato e fruito con responsabilità e consapevolezza.

L’invito della Direzione dell’Ente Parco è di evitare di accendere fuochi, suonare musica o abbandonare rifiuti sulla spiaggia, per evitare di danneggiare, anche non intenzionalmente, flora e fauna dei sistemi dunali del Parco.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Investita dal treno alla stazione di Firenze Rifredi: morta 21enne di Pontedera

  • Viale delle Cascine: muore alla guida mentre è fermo al semaforo

  • Cucina: undici ristoranti pisani nella guida 'L'Espresso'

  • Lutto all'Università: è morto il professor Berardo Cori

  • Bagno di folla per Mika in centro a Livorno: suona con lui uno studente Unipi

  • 'L'Amica geniale' saluta Pisa: terminate le riprese della fiction Rai

Torna su
PisaToday è in caricamento