menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operazione 'Cross Check': pescatori e ristoranti sotto il 'fuoco incrociato' della Guardia Costiera

Oltre 200 i controlli effettuati dagli ispettori con 82mila euro di sanzioni elevate. Nei guai anche un ristorante del centro città

Maxi operazione della Guardia Costiera in Toscana per rilevare irregolarità nell'intera filiera della pesca. 230 controlli, 80 illeciti, oltre 1.000 Kg di prodotti ittici e 8 attrezzi da pesca sottoposti a sequestro. Questi i risultati dell'operazione a tutto campo, terra e mare. 82.000 euro il totale delle sanzioni inflitte ai trasgressori delle norme sull’esercizio della pesca e sulla commercializzazione dei prodotti. L'attività svolta dalla Guardia Costiera è denominata 'cross check', ovvero 'controlli incrociati', un termine che caratterizza il metodo di lavoro seguito nell’ambito dei controlli dagli ispettori, che prevede la verifica sui sistemi informatici delle banche dati relativi alle catture e a quelli della commercializzazione, al fine di valutarne la congruenza ed effettuare attività operative più mirate. Personale e mezzi sono stati impiegati, sia in mare, per la repressione degli illeciti in materia di pesca professionale e sportiva, sia a terra, presso le attività di commercializzazione del pescato.

Le zone interessate dai controlli ricadono nelle provincie di Livorno, Elba compresa, Pisa, Lucca, Pistoia, Massa e Carrara, Prato, Siena e Grosseto. Tra gli illeciti, soprattutto quelli riguardanti l’etichettatura e la tracciabilità dei prodotti ittici, la vendita di specie ittiche sotto taglia minima e altre specie di cui in questo periodo è vietata la pesca e la commercializzazione. Altre sanzioni sono state comminate per la detenzione di merce scaduta.

Per quanto riguarda Pisa, sono stati sequestrati dai militari della Guardia Costiera di Livorno ad un ristorante del centro della città della Torre circa 25 kg tra orate e mazzancolle tenute in celle frigo e prive di qualsiasi documentazione che ne dimostrasse la provenienza. 1.500 euro la sanzione inflitta al ristoratore.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Piatti regionali, la ribollita toscana: la ricetta

social

Dolci regionali, la ricetta dei cantucci toscani

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento