Controlli sui rifiuti a San Giuliano Terme: il Comune insegna a differenziare

In caso di errato conferimento l'amministrazione comunale ha inviato una lettera per insegnare come gettare i rifiuti nel modo corretto: "La sanzione è l'ultima spiaggia"

(foto d'archivio)

Due campagne di controlli a campione a San Giuliano Terme, due buoni risultati. La strada è lunga, ma la direzione è stata tracciata. 'Protagonisti' il rifiuto multileggero ed il rifiuto indifferenziato esposti dai cittadini del comune termale e che sono stati oggetto di controlli mirati già a partire dal mese di settembre. L'amministrazione ha messo a punto un nuovo bollino esplicativo, applicato alle utenze che conferiscono in maniera errata: nel bollino si motiva la mancata presa da parte dell'operatore e si spiega quali frazioni devono essere eliminate dal sacco ispezionato. Il passaggio successivo: una lettera indirizzata all’utente nella quale si danno informazioni in merito agli errori di conferimento riscontrati e si danno indicazioni sul corretto conferimento. Tutto questo senza alcuna sanzione, a meno che l'utenza non dimostri indifferenza e reiteri gli errati conferimenti. Un grande lavoro per l'Ufficio Rifiuti, ma il risultato è stato molto positivo.

Il primo controllo, effettuato a settembre, aveva interessato circa 300 utenze, facendo rilevare 34 conferimenti non conformi, tra multimateriale e indifferenziato: per ciascuno di questi era stata quindi inviata una lettera per illustrare agli utenti le non conformità rilevate e per informarli sulle corrette modalità di separazione del rifiuto. In questi giorni il nuovo controllo sulle 34 utenze risultate non conformi al primo step. Tutti conformi i sacchi del multileggero, buoni risultati anche sul rifiuto indifferenziato: sono oltre l'80% (28 su 34) le utenze che hanno 'corretto' il conferimento del rifiuto.

“Si tratta di risultati importanti - sottolinea l’assessore all’Ambiente del Comune di San Giuliano Terme, Daniela Vanni - che premiano una visione ben precisa del nostro modo di amministrare: vogliamo incentivare i comportamenti virtuosi ed aiutare le persone a fare la cosa giusta, la sanzione ci può stare ma deve essere l'ultima spiaggia, riservata a chi dimostra di disinteressarsi del bene della comunità. I numeri parlano da soli, è la strada da seguire per ottenere gli obiettivi che ci siamo prefissi: salvaguardare l'ambiente e ridurre i costi a carico dei cittadini (TARI)”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Promuovere comportamenti virtuosi è uno dei pilastri del nostro modo di governare - conclude il sindaco Sergio Di Maio - la repressione fine a se stessa la lasciamo ad altri. Vale per la sicurezza, vale per la raccolta differenziata. L'invio delle lettere va in questa direzione. Altro argomento a cui teniamo è l'utilizzo delle telecamere itineranti per individuare i furbetti: è assurdo che chi è sempre in regola debba pagare per chi invece decide di scaricare sulla comunità la propria inciviltà". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 28 anni in un incidente in moto in autostrada

  • Coronavirus in Toscana: 17 nuovi casi, 2 a Pisa

  • Ragazza investita a Marina di Pisa: arrestato il pirata della strada

  • In arrivo piogge e temporali in Toscana: emessa allerta meteo

  • Coronavirus in Toscana: sei nuovi casi, due a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, 10 nuovi casi: 3 in più nel pisano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento