Coronavirus: più controlli sugli spostamenti dei cittadini a Pasqua

Il prefetto ha disposto il rafforzamento dei servizi di controllo nel periodo pasquale. Al vaglio anche la regolarità delle attività ancora aperte

Riunione, in videoconferenza, questa mattina del Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto Giuseppe Castaldo, per fissare il rafforzamento, nel prossimo periodo pasquale, dei controlli e prevenzione in questa fase cruciale per il contrasto del virus Covid 19. Presenti in collegamento il sindaco di Pisa, Michele Conti, il presidente della Provincia, Massimiliano Angori, il questore Paolo Rossi e i Comandanti provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, Giulio Duranti e Giancarlo Franzese.

Il prefetto ha disposto l’intensificazione dei controlli in strada da parte delle forze dell’ordine, specie tra Pasqua e il Lunedì dell’angelo, per evitare uscite o spostamenti non ammessi verso le mete turistiche della provincia. Possibile utilizzo anche dei droni a disposizione delle Polizie locali per controllare dall'alto il territorio. Rimodulati, inoltre, i servizi svolti dal contingente del 187° Reggimento 'Folgore' attualmente impegnato in provincia di Pisa nell’operazione 'Strade sicure', al fine di assicurare il loro contributo al dispositivo dei controlli. Ad un tavolo tecnico affidato al questore di Pisa il compito di individuare le modalità di effettuazione dei rinnovati servizi.
Verifiche in corso anche da parte della Guardia di Finanza per scoraggiare qualsiasi aumento speculativo dei prezzi dei beni.

Controlli capillari sono stati avviati su ogni irregolarità, abuso o non conformità alle norme anche per gli esercizi commerciali e le attività produttive. Per queste è quasi completato il vaglio delle oltre 1.200 comunicazioni di prosecuzione presentate in Prefettura dalle imprese pisane che hanno dichiarato attività a ciclo continuo o funzionali alle filiere e ai servizi rimasti attivi in quanto direttamente individuati dai decreti governativi. Continua, per questo profilo, l’interlocuzione con le associazioni di categorie e sindacati.
I risultati delle attività fin qui svolte in provincia sono rilevanti: 25.000 persone controllate, oltre 21.000 esercizi oggetto di accertamenti, più di mille violazioni contestate.

“Monitoreremo attentamente sia gli spostamenti delle persone fisiche che i settori esclusi dalla prosecuzione delle attività. Stiamo affrontando un evento straordinario che necessità dell’impegno di ogni cittadino per tutelare la salute collettiva - sottolinea il prefetto Castaldo - tutti devono seguire i comportamenti corretti suggeriti, primo tra tutti restare a casa. È questo lo strumento principale di autoprotezione ma anche il modo migliore per ringraziare ed unire il proprio contributo a quanti lavorano con la massima abnegazione e sacrificio a contrastare il virus negli ospedali, sulla strada, nei servizi essenziali e nel volontariato. Non allentare l’impegno collettivo è fondamentale per arrestare la diffusione del virus Covid 19. Voglio in questa sede ringraziare i sindaci, con i quali sono in contatto costantemente, e le forze dell’ordine per il grande lavoro svolto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento