Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Sicurezza: pusher e ladri di biciclette nella rete dei Carabinieri

Arrestati tre spacciatori con un quantitativo di droga superiore a quello considerato per uso personale. Fermato anche un uomo che stava caricando diverse biciclette sulla sua auto. I furti di velocipedi a Pisa sono il 30% dei furti totali

Spaccio e furti di biciclette. Su questi due fronti si è concentrata l'attività dei Carabinieri di Pisa.

In pochi giorni sono finiti in manette due italiani ed un nordafricano.
I primi due fermati con un quantitativo di sostanza stupefacente assolutamente oltre i limiti considerati per uso personale; in particolare, uno dei due, sottoposto a perquisizione domiciliare, è stato trovato con ben due etti di eroina e 50 grammi di marijuana, pronti per essere confezionati. A condurre i militari presso gli spacciatori sono stati alcuni tossicodipendenti, pedinati dai Carabinieri, nella convinzione che dietro ogni tossicodipendente c’è sempre un pusher che lo rifornisce; l’impegno e la costanza dei militari sono stati premiati.

I Carabinieri hanno ancora una volta avuto la conferma di come lo spaccio al dettaglio, su Pisa, venga gestito da compagini organizzate di tunisini e marocchini, che si suddividono le zone di 'lavoro', lasciando ai primi il centro città ed ai secondi le zone più periferiche. Uno degli arrestati, quello con maggiori quantità di sostanza stupefacente, è stato condotto in carcere; per gli altri sono state disposte misure alternative alla detenzione.

Ma l’attenzione dei Carabinieri non si è concentrata solo sullo spaccio di stupefacenti, ma anche sui reati di tipo predatorio. E un fenomeno particolarmente diffuso a Pisa è proprio quello che riguarda i furti di biciclette, stimato in circa il 30% dei furti complessivi. Un equipaggio del Nucleo Radiomobile, al termine di un servizio notturno, nel tornare in caserma, ha notato un marocchino che caricava diverse bici sulla sua auto. L’uomo è stato dichiarato in arresto per furto in flagranza. Per il ladro di biciclette l’Autorità Giudiziaria non ha ritenuto di dover adottare misure cautelari in quanto incensurato, per cui ne è stata disposta l’immediata liberazione.

Nel corso dei servizi sono stati segnalati alla Prefettura anche sei tossicodipendenti, verso i quali scatteranno sanzioni amministrative.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza: pusher e ladri di biciclette nella rete dei Carabinieri

PisaToday è in caricamento