Restrizioni per bar, palestre e ristoranti: "Subito sostegni per le imprese"

I sindaci dei Comuni del Cuoio: "Serve un intervento urgente per evitare che la preoccupazione si trasformi in rabbia sociale"

"È necessario un intervento urgente e mirato di sostegno economico alle categorie cpiù colpite dai provvedimenti": E' quanto chiedono al Governo i sindaci dei comuni di Castelfranco di Sotto, Montopoli in Val d'Arno, Santa Croce sull'Arno e San Miniato a seguito delle nuove misure restrittive adottate nel Dpcm del 24 ottobre. Disposizioni "molto stringenti - scrivono Gabriele Toti, Giovanni Capecchi, Giulia Deidda e Simone Giglioli - e spesso, pur ricorrendo alla 'raccomandazione', delineano un quadro legislativo e di contesto che fa pensare di essere in un (quasi) secondo lockdown.

Ad essere colpite maggiormente "sono attività come bar, ristoranti, artigiani, palestre con conseguenze pesanti che possono portare, nei casi più estremi, alla chiusura, in assenza di adeguato sostegno. Dietro a queste attività ci sono persone in carne ed ossa, storie fatte di passione, impegno, sacrificio, rinunce per effettuare gli investimenti nelle proprie attività. Una parte di questi interventi erano stati proprio compiuti per rispettare le norme anti-Covid e proseguire pur con tutte le ristrettezze e limitazioni per operare in sicurezza per lavoratori e clienti". 

"Abbiamo ascoltato dal presidente del Consiglio parole importanti - spiegano - che racchiudevano 'degli impegni' nell'ottica del sostegno ai settori più colpiti. Come Sindaci non possiamo certamente che apprezzare questa volontà. È però necessario un ulteriore passo perché questi impegni assunti davanti agli italiani si trasformino in bonifici da trasferire nei conti correnti delle attività maggiormente colpite. Purtroppo, nel passato abbiamo assistito a vari ritardi che stavolta non possono essere ammessi. L'appello che facciamo è proprio che siano assunti da subito i provvedimenti necessari con lo stanziamento delle risorse necessarie".

I sindaci sottolineano quindi come "ogni giorno abbiamo modo di parlare con imprenditori e dipendenti che ci esprimono la propria preoccupazione. Cerchiamo sempre di rassicurare circa il nostro impegno soprattutto in questa fase in cui i contagi stanno crescendo molto e in quadro sanitario comunque molto delicato e complicato. Lo facciamo per una logica di lavoro di squadra a livello istituzionale. Proprio per questo chiediamo con forza ed a gran voce che il Governo faccia al più presto la propria parte, come annunciato dal Presidente del Consiglio. Riteniamo infatti che sia questa la migliore risposta ad un sentimento di preoccupazione che si respira in giro, che diversamente rischia di trasformarsi in rabbia sociale. Tempo a disposizione ce n'è davvero poco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, "Toscana da domenica zona arancione"

  • Nuovo Dpcm, più libertà per gli spostamenti tra comuni: le proposte dalla Toscana

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Dpcm Natale 2020, il decreto legge che vieta gli spostamenti tra regioni e comuni

  • Comune di Pisa: nuovi bandi per assumere un falegname, un elettricista e un agronomo

  • Nuovo Dpcm, Conte: "Costretti a ulteriori restrizioni per evitare terza ondata"

Torna su
PisaToday è in caricamento