rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

L'Aoup alle prese con la quarta ondata di Covid: 135 pazienti positivi ricoverati

Il direttore generale Silvia Briani sottolinea che "la situazione rimane gestibile". Somministrati oltre 6mila vaccini al giorno

Con un ritmo di oltre seimila vaccinazioni antiCovid al giorno fra dipendenti, pazienti, popolazione generale e anche una quota parte di bambini (quelli fragili per patologie o allergie) l’Aoup sta fronteggiando la quarta ondata della pandemia da Covid-19 mettendo in campo risorse e riorganizzazione delle attività. Nel dettaglio, sul fronte vaccinazioni si è passati da una media di 3mila al giorno a circa 6200 negli ambulatori allestiti all’Edificio 30 C di Cisanello. Va avanti a ritmo sostenuto anche l’attività di screening nei laboratori della Virologia con la processazione dei tamponi che provengono dal territorio dell’area vasta nord-ovest e dall’interno dell’ospedale (dipendenti/pazienti) con circa 2600 campioni esaminati ogni giorno.

Si mantengono sostenuti anche gli accessi al Pronto soccorso, anche se inferiori al periodo pre-Covid. Attualmente la media, da inizio anno, è di circa 127 al giorno (che generano circa 27 ricoveri), e di questi 127 circa 50 sono sospetti Covid, il cui iter assistenziale in attesa del ricovero è sottoposto a tutte le misure di sicurezza anti-Covid per cui risulta più laborioso dei percorsi ordinari. I pazienti positivi al Covid vengono attualmente ricoverati, a seconda dell’impegno assistenziale, nei letti ordinari allestiti a Cisanello fra gli Edifici 13 (Malattie infettive e Pneumologia), 30 (Geriatria e Medicina 2) e 8 (Endocrinologie e Malattie metaboliche e Diabetologia) e nei letti intensivi allestiti fra l’edificio 21 al Santa Chiara e un’area dell’Anestesia e rianimazione cardiotoracica dedicata ai pazienti sottoposti a circolazione extra-corporea (Ecmo). I posti letto Covid totali oggi occupati sono 135, di cui 111 ordinari e 24 intensivi/subintensivi.

Una pressione crescente di ricoveri dovuta all’andamento dei contagi che ha determinato, in ottemperanza alle disposizioni nazionali e regionali, come nelle precedenti ondate, una rimodulazione delle attività programmate sia di area chirurgica sia medica, in modo da liberare risorse Covid ma continuare a garantire le urgenze, le attività connesse ai trapianti, i percorsi oncologici e di classe A, di alta specialità non rinviabile. Prosegue anche il potenziamento della sorveglianza sanitaria con l’adeguamento alle nuove normative nazionali. Attualmente sono 98 i dipendenti positivi e in isolamento (di cui solo 12 da presumibili contatti ospedalieri, il resto da contesti extra-lavorativi). "La Direzione aziendale ringrazia tutto il personale, sanitario e non - conclude il direttore generale Silvia Briani - per il costante impegno e la dedizioni dimostrati anche stavolta, nel fronteggiare un’ondata di ricoveri comunque complessa che sta impattando su tutte le attività dell’ospedale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Aoup alle prese con la quarta ondata di Covid: 135 pazienti positivi ricoverati

PisaToday è in caricamento